Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

PREVENZIONE INCIDENTI E GESTIONE DEL PRIMO SOCCORSO

CORSI DI DISOSTRUZIONE

 PROSSIMI EVENTI: Genova, Novara e Rimini

Salvagente è un’associazione che nasce a fine 2013 dall’idea di tre amici con anni di esperienza e di istruzione alle spalle, uniti dal desiderio di fare la differenza nel tentativo di cambiare in meglio questo mondo.

Vista la limitata diffusione della cultura del Primo Soccorso (la cui importanza viene troppo spesso sottovalutata), Mirko, Filippo e Silvia, si pongono l’obiettivo di ribaltare questa situazione facendo interventi mirati e creando eventi accessibili a tutti:

il fine ultimo è quello di formare i cittadini rendendoli soccorritori, far sì che tutti siano in grado di intervenire e impedire tragedie spesso assolutamente evitabili, colmando così quel vuoto tra l’emergenza e l’arrivo dell’ambulanza.

Il più grande deficit infatti che un sistema di soccorso può avere, benché strutturato e veloce, è quello di non prevedere gli avvenimenti e di non essere presente quando questi accadono.

Quando i mezzi di soccorso, pur se attivati in tempo, arrivano comunque troppo tardi a causa di fattori esterni quali ostacoli o barriere più o meno naturali presenti nelle nostre città, la miglior risorsa che abbiamo a disposizione siamo noi stessi.

Dal 2013 sono state 30.000 all’anno le persone formate, per la grandissima parte gratuitamente, da Salvagente.

Insegnare la Rianimazione Cardiopolmonare, le tecniche di Disostruzione e in generale proteggere ed aiutare i ragazzi in ogni luogo si trovino è sicuramente la mission di questa associazione, sostenendo tanti progetti che riguardano la salute, l’istruzione e la famiglia.

Per questo motivo vengono finanziate alcune importanti iniziative in vari ambiti che riguardano i bambini e i ragazzi, il nostro bene più prezioso.

Salvagente ha donato pochi mesi fa un defibrillatore automatico alla scuola De Amicis di Monza, formando gratuitamente 30 persone dello staff scolastico al suo utilizzo, garantendo una maggiore sicurezza degli studenti ma anche degli insegnanti e di tutto il personale presente ogni giorno all’interno della struttura.

Questa iniziativa porta avanti il progetto iniziato nella scuola Bianconi e nella scuola Confalonieri, alle quali recentemente l’associazione ha fatto una donazione di questo stesso tipo.

MISSIONI e PROGETTI

  • Africa - Progetto Miriam, sostegno per la realizzazione di un orfanotrofio per bambini disabili
  • Donazione di un pulmino ad una famiglia con bambino disabile
  • Lezioni nelle scuole – A scuola di cuore
  • Sostegno ad una casa famiglia in Argentina
  • Donazione di 15 defibrillatori all’anno
  • Progetto Ethicus – sostegno alle Terapie Intensive pediatriche
  • SOS Famiglie
  • Consulenza Allattamento
  • Scambio cappotti

 

Print Friendly, PDF & Email

Villa Reati nel Portale nazionale di Art Bonus

Un’occasione a portata di chiunque per contribuire alla riqualificazione del patrimonio cittadino, con una donazione che permetterà il rilancio della storica dimora Villa Reati. Dopo esser stato premiato con 125.000 euro al concorso “Le Reti del Cuore”, il Comune di Lissone ha inserito la Villa di via Fiume sul sito web nazionale Art Bonus, attraverso il quale è possibile per tutti, persone fisiche o giuridiche, effettuare donazioni in denaro per il sostegno della cultura godendo di benefici fiscali sotto forma di credito di imposta.

Si tratta di erogazioni liberali destinate al restauro e al consolidamento della copertura di Villa Reati, intervento per il quale il Comune di Lissone ha previsto uno stanziamento economico di circa 400.000 euro. Le somme che saranno raccolte attraverso il mecenatismo pubblico andranno ad aggiungersi all'importante finanziamento, pari a 125.000 euro, ottenuto da Brianzacque e RetiPiù. Tutte le informazioni dettagliate sull'iniziativa Art Bonus e sulle detrazioni fiscali sono disponibili sul sito web artbonus.gov.it.

“Villa Reati rappresenta una delle eccellenze architettoniche e culturali della nostra Città, un patrimonio che vogliamo restituire interamente ai lissonesi – sottolinea il sindaco Concettina Monguzzi - Ora, con il contributo fondamentale di Brianzacque e RetiPiù, e con l’auspicio di ulteriori donazioni che arriveranno attraverso Art Bonus, vogliamo proseguire nel percorso di recupero e manutenzione di un patrimonio cittadino quale è Villa Reati”.

Attualmente Villa Reati viene utilizzata per lo svolgimento di matrimoni civili e ospita saltuariamente eventi culturali e musicali nonchè attività laboratoriali rivolte alle scuole finalizzate all'approfondimento della conoscenza della villa e della sua storia; rientra anche nel circuito di Ville Aperte in Brianza, promosso dalla Provincia di Monza e Brianza

Per fare una donazione è sufficiente effettuare un bonifico bancario compilandolo con i dati riportati qui di seguito.

BENEFICIARIO Comune Di Lissone

IBAN IT 61 I 05216 33270 000000002828

CAUSALE Art Bonus - Comune di Lissone - VILLA REATI - Codice fiscale o P. Iva del mecenate -

Lissone, 4 Giugno 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

Silp-Cgil: “La questura, così, non può funzionare”

Il sindacato di polizia denuncia l’insufficienza di organico: il numero degli operatori è di 129, ma per garantire la sicurezza sarebbero necessari almeno 230 poliziotti. Sono 4 i mesi di attesa per ottenere un passaporto.

La questura, così, non può funzionare”. Questo il severo giudizio di Carmelo Zapparrata, segretario regionale del SILP-Cgil, il sindacato di polizia che, già la scorsa settimana, aveva incontrato il questore di Monza e Brianza, dott. Michele Davide Sinigaglia.

Monza, con i suoi 900mila abitanti, è la quarta provincia della Lombardia – spiega il segretario regionale del SILP –, ma ha solo 129 operatori, contro i 450 poliziotti di Brescia (seconda provincia della Lombardia, ndre gli oltre 300 operatori di Bergamo (città poco più popolosa di Monza,ndr)”. Una disparità non da poco, perché “più persone” – soprattutto in un territorio così fortemente urbanizzato e produttivo – significa “più lavoro e più emergenze”.

Inoltre – spiega Zapparrata –, Monza ha un bacino di circa 75 mila cittadini stranieri regolari soggetti all’emissione di permesso di soggiorno e, di conseguenza, un numero elevato di pratiche da gestire”, percentuali simili a quelle di Milano. Ed è proprio dal confronto con le altre questure che Monza risulta la più sacrificata: “L’apertura della questura di Monza, di fatto, alleggerisce il carico di Milano per circa il 25 per cento”, precisa Zapparrata, che aggiunge: “Considerando che Milano ha circa 3600 operatori, ci si aspetterebbe che almeno un 20 per cento di tale personale fosse destinato a Monza. Invece, anche a regime, ossia quando gli operatori saranno 185, la percentuale rispetto a Milano sarà solo del 4 per cento”.

Con la perdita del commissariato di Monza, Milano scende a circa 3450 uomini con una popolazione di 3.200.000 – puntualizza Zapparrata –, pertanto il Ministero dovrebbe inviare alla questura di Monza personale di nuova nomina senza toglierli a Milano”.

“Nel piano di ripartizione delle nuove assegnazioni per gli anni 2019/2020 – aggiunge il segretario del SILP-Cgil – il personale destinato alla neo struttura brianzola è: a luglio 2019 di due operatori, a dicembre 2019 di altri due e solo nell’aprile del 2020 di 16 operatori. Numeri non sufficienti per garantire la sicurezza ai cittadini”.

Insomma, i conti, per ora, non tornano. E le difficoltà si ripercuotono sulle strutture: “La polizia scientifica, per esempio, a Monza è stata costituita con soli due operatori, mentre in tutte le province della Lombardia il minimo dei poliziotti specializzati è di otto. Ad oggi, per fare un altro esempio, per i passaporti sono necessari addirittura 4 mesi di attesa”, conclude il segretario del SILP-Cgil.

 

Print Friendly, PDF & Email

Comunicato Stampa firmato congiuntamente da LAV, ENPA, LEIDAA, LIPU e WWF

È QUESTO IL PARCO CHE VOGLIAMO?

 Di giorno il rombo dei motori, di notte il suono assordante della musica. Non c’è pace per gli animali selvatici al Parco di Monza.

La SIAS, la Società che ha in gestione l’autodromo, ha avanzato richiesta di costruire nell’area verde della Gerascia una “struttura permanente” dove poter svolgere mega concerti.

Tutto lascia supporre che, se i progetti della SIAS fossero realizzati, il Parco di Monza, da oasi di relativa pace per la fauna selvatica potrebbe trasformarsi in un luogo per grandi manifestazioni musicali, come quelle che si tengono frequentemente al Forum di Assago o, talvolta, allo stadio di San Siro. Per intenderci, quelle che richiamano decine di migliaia di spettatori.

E tutto naturalmente “nel rispetto dell’ambiente”, come ha recentemente dichiarato in un’intervista l’attuale vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala, il quale peraltro si augura di poter ospitare nel Parco nientepopodimeno che cantautori del calibro di Vasco Rossi e Claudio Baglioni. Analoghe opinioni sono state espresse dal Consigliere regionale Andrea Monti. Una struttura permanente costituirebbe un passaggio indispensabile per fare del Parco di Monza un luogo di riferimento per organizzatori di grandi concerti.

Come sia possibile pensare che ciò non abbia conseguenze sulla flora e sulla fauna selvatica lascia sgomenti. Perdita uditiva, effetto mascheramento derivante dall’impossibilità di udire i segnali ambientali, stress generale, aumento della frequenza cardiaca e del ritmo respiratorio, effetti comportamentali fino all’abbandono del territorio e perdita della fase riproduttiva. Questi sono gli effetti già conosciuti dell’inquinamento acustico sulla vita degli animali selvatici, con la conseguente riduzione e frammentazione del loro habitat. Come possono pensare autorevoli politici regionali che i suoni assordanti di un mega concerto rimangano confinati in un’area circoscritta?

Dunque, come se già non bastassero l’autodromo e il campo da golf a restringere gli spazi naturalistici del complesso del Parco, un’ulteriore vasta area verde avrebbe un’altra destinazione d’uso. Un’area importante, quella della Gerascia, un prato “storico” paesaggistico di alto valore ambientale di conservazione della biodiversità erbacea locale. Un prato a vegetazione spontanea, ricco di essenze, insetti, farfalle e uccelli, che in altre parti del Parco non sono presenti. Un prato molto vulnerabile, in caso di fruizione intensiva e ripetuta da parte di decine di migliaia di persone che, come già accaduto in circostanze precedenti, oltre al persistente calpestio intensivo del suolo lascerebbero un’enorme quantità di rifiuti, di cui una parte consistente di piccole dimensioni di difficile raccolta: come mozziconi di sigarette, tappi di bottiglia, linguette di lattine che, interrandosi, andrebbero a far parte del suolo stesso, col rischio di perdita definitiva e irreversibile del manto erboso e delle specie erbacee che ospita. A ciò andrebbero ad aggiungersi i danni derivanti dal passaggio di mezzi pesanti per la realizzazione della struttura e l’allestimento degli eventi.

Nessun concerto o grande evento potrà mai essere compatibile con quest’area, così come con nessun’altra area del Parco, prezioso rifugio per una grande varietà di specie animali e vegetali.

La Lombardia è una delle regioni più urbanizzate e cementificate d’Europa e Monza e Brianza è in testa nell’ingloriosa classifica delle province più cementificate in percentuale, rispetto alla superficie totale, superando il primato della provincia di Napoli. Davvero, dunque, abbiamo bisogno di erodere un’altra preziosa area verde del nostro Parco?

La ricerca del grande evento è funzionale all’affannosa conquista del consenso sul cui altare sacrificare tutto, persino la Bellezza; un dato caratteristico molto trasversale nella politica italiana. Grandi concerti, grandi eventi, e quindi servizi, impianti di illuminazione, vie di fuga. Ma non solo: start up economiche, polo di ricerca internazionale per la guida autonoma e – siamo certi - nel tempo non mancheranno strutture per l’accoglienza turistica. Il Masterplan di Regione Lombardia, in fase di elaborazione, metterà la parola fine al Parco di Monza, così come l’abbiamo conosciuto. Il Parco verrà diviso in zone, sezionato, frammentato secondo aree tematiche; tutto ciò ispirato dal “nobile” proposito di “rilanciare” il Parco, di “renderlo fruibile nella sua totalità”, di “valorizzarlo”. È stupefacente la capacità di certi politici di accarezzare i progetti più deleteri con parole seducenti.

Ed è altrettanto stupefacente questo persistente impulso suicida di voler rosicchiare, pezzo dopo pezzo, spazi alla natura, come se non bastassero i già altissimi livelli di urbanizzazione e cementificazione del nostro territorio. Il fatto è che, parafrasando Piero Calamandrei, la natura è come l’aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare.

Evidentemente, per taluni il complesso del Parco di Monza non è un patrimonio storico-culturale- naturalistico in sé, da curare e preservare, bensì un bene da mettere a reddito, da far fruttare.

Il Parco di Monza è patrimonio di tutta la Comunità, un bene artistico, monumentale, storico e ambientale che deve essere gestito da esperti di caratura internazionale. Non è concepibile che periodicamente sia fatto oggetto di scelte e progetti mirabolanti da parte delle maggioranze di turno, per il solo fatto di essere investite dell’autorità di disporre i finanziamenti, che peraltro non sono altro che denaro pubblico dei contribuenti.

Il Parco è un polmone verde, un’oasi di tranquillità e ristoro per noi umani, una via di fuga dal cemento, dal frastuono, dall’inquinamento, dalla prigione che ci siamo costruiti attorno. E così non sarebbe se contemporaneamente non fosse un rifugio per gli animali selvatici e un prezioso patrimonio boschivo, floristico e monumentale.

Questo è, e questo deve rimanere, per noi e per le future generazioni. Diversamente, un giorno nemmeno tanto lontano, potremo trovarci nella condizione di dover amaramente constatare che: “AVEVAMO UN PARCO”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Constatiamo purtroppo che la situazione della mobilità ciclistica a Monza è ferma da parecchio tempo e non è ancora chiara quale direzione l'amministrazione comunale intenda prendere. È necessario affrontare seriamente il problema degli alti livelli di inquinamento atmosferico di cui soffre Monza, cambiando paradigma e ripensando totalmente le modalità di mobilità nella nostra città, favorendo modi sostenibili e contrastando l'uso smodato dell'auto. 

Il presidente di FIAB MonzainBici Lorenzo Brusadelli, preoccupato dell'incolumità dei propri concittadini, ciclisti, pedoni, automobilisti, tutti, ha inviato una nota al Sindaco e agli Assessori alla mobilità, urbanistica e ambiente, per sollecitare una delle tante soluzioni che la nostra associazione ha proposto nel corso degli ultimi anni.

Ci riferiamo alla realizzazione di una ciclabile che parta da Largo Mazzini e lungo c.so Milano e via Borgazzi, raggiunga la prossima fermata della metropolitana a Bettola.

La sosta vietata e prolungata di veicoli in questo tratto (molto intensa negli orari di punta) crea un incremento del traffico, rende difficoltosa la manovra dei bus e rende molto pericolosa la vita dei ciclisti che devono andare a zig-zag tra le macchine. Crediamo quindi che la creazione di una corsia che favorisca i percorsi di Bus e biciclette renderebbe più veloce, sostenibile e razionale il trasporto pubblico.

FIAB Monza ha intervistato i commercianti di Corso Milano e Via Borgazzi riguardo la realizzazione di una corsia ciclabile e i riscontri sono stati totalmente positivi. Anche loro lamentano la continua sosta irregolare dei veicoli davanti alle proprie attività e pensano che una ciclabile possa migliorare notevolmente una situazione diventata insostenibile.

L'implementazione di una corsia ciclabile su Corso Milano rappresenterebbe un'iniziativa semplice, economica e immediata per risolvere la situazione. Sarebbe inoltre un primo importante passo verso il congiungimento tra il centro di Monza e la futura fermata Bettola. Non è certo l'unico intervento utile per Monza,ricordiamo che la ciclabile del Villoresi continua ad essere chiusa creando notevoli difficoltà ai ciclisti

La stesura del PUMS dovrà, a nostro parere, tenere conto della situazione particolarmente difficile di Monza, con poche ciclabili che hanno inoltre urgente necessità di manutenzione. Il piano dovrebbe tentare di recuperare il terreno perduto anche nei confronti di altre città italiane che stanno avanzando velocemente verso situazioni virtuose che rendono i luoghi dove viviamo, posti dove valga la pena  stare.

Invitiamo quindi Sindaco e Assessori a considerare questo intervento su Corso Milano/Via Borgazzi, che aiuterebbe a far rispettare la legge e porterebbe da subito un beneficio concreto ai cittadini.

Siamo come sempre disponibili per un approfondimento sulla questione. 

 

Print Friendly, PDF & Email

Centro Sportivo via Beltrame: aggiudicati i lavori per la riqualificazione del campo da gioco e degli spogliatoi

Completo rifacimento del campo da calcio “a nove” con la posa del manto in erba sintetica, realizzazione dei nuovi spogliatoi e del centro ristoro per una riqualificazione globale degli spazi e delle strutture. L’Amministrazione Comunale ha aggiudicato nei giorni scorsi i lavori che interesseranno il Centro sportivo comunale “Edoardo Mauri” di via Beltrame, attualmente in uso gratuito alla Pro Lissone Calcio. I lavori, per un ammontare complessivo di circa 500.000 euro, prenderanno il via nelle prossime settimane così da terminare indicativamente nel periodo autunnale, salvo eventuali inconvenienti in corso d’opera.

La novità più importante sarà costituita dal nuovo campo da calcio in erba sintetica, in sostituzione di quello attualmente in terra. In questo modo, più squadre potranno contemporaneamente allenarsi su un manto in condizioni perfette, in grado di favorire la crescita tecnica e tattica dei ragazzi. I lavori non riguarderanno però solo il campo da calcio, ma anche nuovi spogliatoi e un più moderno punto ristoro. L’appalto per l’esecuzione delle opere relative a spogliatoi e punto ristoro sono state aggiudicate alla ditta MODULCASA Line SpA con sede a Traversetolo (Parma) con un’offerta pari a circa 280mila euro; la posa del manto in erba sintetica è stato invece aggiudicato all’impresa TECNICASPORT con sede a Arona (NO), per una spesa di circa 155mila euro.

“Si tratta di interventi di fondamentale importanza per uno dei più importanti luoghi di sport comunali all’aperto del nostro territorio – dichiarano il sindaco Concettina Monguzzi e gli assessori Marino Nava e Renzo Perego, titolari delle deleghe ai Lavori pubblici e allo Sport – un nuovo campo in erba sintetica e la riqualificazione degli spogliatoi permetterà di accogliere i giocatori in un luogo ancor più moderno dell’attuale, favorendo l’aggregazione e il divertimento”.

Lissone, 31 Maggio 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

Festa, Riso, Gioco e Gioia

Canti e danze del Rinascimento italiano

a sostegno del Paese Ritrovato

La mostra fotografica Love, Loss, and Laughter

Amore, Perdite e risate. Una visione differente dell’ Alzheimer

Monza, 30 maggio 2019. Sarà la Villa Reale ad ospitare un nuovo affascinante e prestigioso evento a sostegno del Paese Ritrovato, il villaggio che ospita persone con Alzheimer  ideato e realizzato dalla Cooperativa La Meridiana di Monza.

Un concerto organizzato da A.D.A. (Associazione Danze Antiche) insieme all’Associazione Concento de Pifari, a Zeroconfini Onlus e al  Coro dell'Università Statale di Milano. L’evento è in programma, come detto in Villa Reale, domenica 9 giugno 2019 a partire dalle ore 18.00. Si potranno apprezzare le musiche e i cori rinascimentali eseguiti da professionisti apprezzati in Italia e nel mondo. Sarà occasione per conoscere più da vicino Il Paese Ritrovato, i suoi i primi risultati e come vive la gente di questo borgo.

Ingresso è libero, ma  serve la prenotazione per e-mail scrivendo all’indirizzo: info@cooplameridiana.it

Oltre al concerto, sempre domenica 9 giugno,  si potrà visitare, dalle 10 alle 18,  la mostra fotografica "Love, Loss, and Laughter (Amore Perdite e Risate) - Una visione differente dell'Alzheimer". Sono proposte fotografie firmate dalla fotografa e sociologa americana Cathy Greenblat. La mostra è stata portata in Italia dalla Associazione Alzheimer e donata alla Cooperativa La Meridiana. Sarà inoltre possibile visionare il materiale documentativo sulla Cooperativa La Meridiana.

Leggi tutto il comunicato

Cooperativa La Meridiana

 

Print Friendly, PDF & Email

MONZA PER L’AMBIENTE

L’Amministrazione Comunale aderisce alla «Giornata mondiale dell’Ambiente» e lancia due iniziative

Monza, 29 maggio 2019. Discutere del cambiamento climatico globale e dei suoi effetti sulle popolazioni e promuovere iniziative a livello locale per la protezione dell’ambiente. L’Amministrazione Comunale aderisce alla «Giornata mondiale dell’Ambiente» con due iniziative. «I cambiamenti climatici sono un fatto, spiega l’Assessore all’Ambiente Martina Sassoli. Perché cambia la società. Noi abbiamo il dovere di “adattarci” per dare un futuro ai nostri figli. E lo dobbiamo fare con progetti concreti, idee, risorse».

Acqua. Si comincia mercoledì 5 giugno con «LivinGreen 1x365», una proposta di azioni concrete che possano spingerci a cambiare i nostri atteggiamenti quotidiani. Acqua, aria, energia e verde i temi al centro della giornata «green». A Monza ci sono sei case dell’acqua (via Cremona, via Debussy, via Iseo, via Maroncelli. via Paisiello e via Pellettier). «Promuovere l’acqua pubblica fa parte di un processo educativo che non solo fa risparmiare i cittadini, ma li spinge anche a comportamenti ecologici virtuosi», continua l’Assessore. Per questo il Comune di Monza, in collaborazione con Brianzacque, nella giornata del 5 giugno distribuirà gratuitamente le tessere per prelevare acqua nei distributori di Monza e Brianza a chi sottoscriverà il «Patto per l’ambiente».

Aria. «Viviamo in un’area più chiusa rispetto ad altre con una stagnazione maggiore dell’aria - prosegue Martina Sassoli - ma non possiamo cercare alibi perché i nostri polmoni respirano polveri sottili. Per questo sono determinanti i nostri piccoli comportamenti quotidiani. Come, ad esempio, scegliere la bici al posto dell’auto per i nostri spostamenti». In città attualmente c’è un servizio di bike sharing con 38 biciclette che presto sarà implementato. Quelle oggi disponibili possono essere noleggiate, 24 ore su 24, in una delle sette stazioni collocate in zone strategiche in città: Stazione FS via Arosio; «Urban Center» in via Turati/via Mentana; Largo XXV Aprile; piazza Citterio/via Petrarca; via Sempione/via Stelvio; Parco di Monza/viale Cavriga; Ospedale San Gerardo/via Pergolesi/via Baraggia. Durante la «Giornata mondiale dell’Ambiente» gli abbonati potranno utilizzare il servizio gratuitamente, mentre chi non è abbonato potrà sottoscrivere il «One Day Mobile» al prezzo speciale di 2 euro e l’«Annuale Mobile» al prezzo speciale di 20 euro (inclusi 5 euro di ricarica). Gli abbonamenti possono essere acquistati con l’app «BicinCittà» e non prevedono l’utilizzo di alcuna tessera, è sufficiente lo smartphone per il noleggio delle biciclette. Infine, sempre il 5 giugno, sarà possibile «marchiare» la propria bici, cioè incidere il proprio codice fiscale sul telaio. Un’operazione semplice e veloce (e gratuita) che consente, nei casi di smarrimento della bicicletta, di rintracciare subito il legittimo proprietario.

Energia. Cambiare i propri comportamenti significa anche ridurre i consumi di energia e migliorare l’efficienza energetica della propria casa. Per questo l’Amministrazione Comunale ha messo a disposizione dei cittadini lo «Sportello Energia». «L’efficienza energetica del patrimonio edilizio – sottolinea l’Assessoreè uno dei temi sul quale siamo già al lavoro da tempo. Ad esempio stiamo sostenendo politiche energetiche che prevedono sconti importanti, dal 15% al 30%, a chi costruisce o ristruttura in classi energetiche performanti e fino al 50% per la demolizione del patrimonio vetusto che è sostituito da nuove costruzioni». E sul sito www.sportelloenergia.monza.it è possibile fare, in pochi click, l’«autovalutazione» della propria abitazione per capire se si consuma la giusta energia per riscaldare la propria abitazione e cosa fare per renderla più efficiente rispettando l'ambiente.

Una «foresta urbana». Il 5 giugno sarà anche l’occasione per presentare il progetto «Mosaico Verde», promosso con la società «Azzeroco2» allo scopo di individuare aziende partner con le quali avviare progetti di forestazione urbana all’interno del Comune di Monza (info: info@azzeroco2.it).

Call to action. Il secondo appuntamento è con «LivinGreen: storie di donne e di ambiente» dalle ore 16 nelle serre reali (normalmente non visitabili) per raccontare le «case history» di donne che si sono messe in gioco in nome del rispetto dell'ambiente o di un sogno a «impatto zero». «La strada per la sostenibilità ambientale passa attraverso scelte individuali – conclude Martina Sassoli - e le donne giocano un ruolo sempre più decisivo nella gestione dell’ecosistema. Le donne hanno un ruolo fondamentale nell’educazione delle future generazioni, puntano alla sensibilizzazione sulle grandi sfide di sostenibilità che coinvolgono il pianeta, sembrano trovarsi davvero a loro agio con tutto ciò che è "eco": sono meno consumiste e più attente ai temi del risparmio energetico e della raccolta differenziata. A loro lancio un appello: fatevi avanti, raccontateci le vostre storie. Partner del progetto sono associazioni e aziende del territorio che spiegheranno come stanno affrontando il tema della sostenibilità». Le donne che vogliono portare la loro testimonianza al «LivinGreen» del 20 giugno devono inviare entro lunedì 10 giugno una mail a ambiente@comune.monza.it raccontando la loro esperienza in 50 righe.

 

Print Friendly, PDF & Email

“Basta morti sul lavoro”, lavoratori in marcia per la sicurezza

Cgil, Cisl e Uil chiedono maggiori controlli e di valorizzare il ruolo degli RLS

La marcia degli RLS (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, n.d.r.) del prossimo 7 giugno è la nostra iniziativa pubblica per portare in piazza la questione della sicurezza sul lavoro. Per dire pubblicamente che, attraverso gli RLS, le lavoratrici e i lavoratori devono essere parte integrante del sistema di gestione della sicurezza sul lavoro”.

Cgil, Cisl e Uil tornano a parlare di sicurezza sul lavoro. A pochi giorni dall’attivo unitario al Binario 7, le organizzazioni sindacali scendono in piazza. E lo fanno con la “marcia degli RLS”, una sfilata per le vie del centro per dire “basta morti sul lavoro” e per ribadire che la prevenzione e la formazione sono i due pilastri fondamentali per evitare gli infortuni in azienda.

L’appuntamento è per venerdì 7 giugno alle 9 davanti alla sede INAIL di Monza, in via Ugo Foscolo. Poi, le lavoratrici e i lavoratori si metteranno in marcia per raggiungere la sede della Prefettura di Monza, in via Carlo Prina.

I tragici episodi che hanno aperto questo 2019 brianzolo non sono certamente stati dimenticati – dichiara Giulio Fossati, segretario della Cgil di Monza e Brianza –; ecco perché non ci stancheremo mai di alzare il livello di guardia su sicurezza e salute sui luoghi di lavoro”.

Gli RLS – continua Fossati – sono i nostri rappresentanti, eletti dalle lavoratrici e dai lavoratori, e sono la rete più diffusa che possiamo realizzare per migliorare le condizioni del lavoro e per elaborare, con i datori di lavoro, strumenti di prevenzione e controllo. Gli RLS sono una rete efficace per collaborare con gli Enti ispettivi e gli Organi di Controllo per rendere effettiva la sicurezza”.

Una figura spesso marginalizzata. Secondo lo studio Impact RLS condotto dal Politecnico di Milano nel 2017, “a dieci anni dal decreto 81, mancanza di informazione, partecipazione e coinvolgimento, sono le difficoltà che si trova di fronte l’RLS, rendendolo spesso una figura che non porta nessun contributo specifico”.

L’insicurezza del lavoro continua a produrre i suoi risultati, rappresentandoci la vera faccia di un modello produttivo che deve evolvere per cambiare”, commenta Fossati, che aggiunge: “Gli infortuni producono sofferenza alle famiglie elevando i costi sociali e del lavoro”.

Le organizzazioni sindacali chiedono prevenzione e controlli, maggiori investimenti nelle ATS (Agenzie Tutela Salute) e nell’Ispettorato Nazionale del Lavoro, e di incrementare le buone pratiche che INAIL è in grado promuovere e divulgare.

 

Print Friendly, PDF & Email

Domani 29 maggio, ore 11.30 – Villa Reale

Imprese, summit a Monza sul valore dell’agricoltura

Dai cereali all’ortofrutta, dall’allevamento al florovivaismo, dalle risorse idriche alle filiere: il valore dell’agricoltura di Milano, Lodi e Monza Brianza è al centro del summit che la Coldiretti interprovinciale organizza per domani, mercoledì 29 maggio alle ore 11.30, presso la Villa Reale di Monza in occasione dell’assemblea annuale della Federazione.

Al vertice dedicato alle opportunità di sviluppo del settore agroalimentare del territorio parteciperanno: Paolo Voltini, Presidente di Coldiretti Lombardia; Alessandro Rota, Presidente della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza Brianza; Fabio Rolfi, Assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia; Cesare Ferrero, Presidente di SogeMi Spa – Mercato Agroalimentare di Milano; Alessandro Russo, Presidente e Amministratore delegato di Cap Holding Spa; Matteo Cunsolo, Presidente dell’Associazione Panificatori di Milano e province – Confcommercio.

Nelle province di Milano, Lodi e Monza Brianza – precisa la Coldiretti – sono circa 6 mila le imprese attive in agricoltura con un valore della produzione di quasi 800 milioni di euro e una superficie utilizzata di oltre 120 mila ettari.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)