Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

Vogliono fare una nuova ferrovia che passa anche da Monza. Paga la Svizzera, Liguria d’accordo, la Lombardia non sa nulla. Incontro con l’assessore regionale Terzi e il senatore Romeo.

C’è un progetto svizzero per il potenziamento della ferrovia Milano-Chiasso e non solo. Si chiama LuMiMed (Lugano-Milano-Mediterraneo). L’obiettivo elvetico è di avere un collegamento importante per le merci con Milano e con il porto di Genova. La Svizzera sta dialogando da tempo con il Ministero Infrastrutture e con la Regione Liguria, ma sino ad oggi la Regione Lombardia ne è stata tenuta fuori. Eppure, il progetto riguarda in larga parte il territorio lombardo e coinvolgerebbe in modo rilevante la città di Monza. Dopo avere raccolto informazioni attendibili, in Italia e a Lugano, abbiamo incontrato ieri l’assessore regionale alle infrastrutture e trasporti Claudia Maria Terzi, per informarla su quanto sta avvenendo e chiederle un interessamento concreto. Abbiamo avuto conferma che la Regione Lombardia non è mai stata coinvolta, ma l’assessore ha ben compreso l’importanza e delicatezza della questione e si è impegnata a ottenere chiarimenti per tutelare gli interessi del nostro territorio. All’incontro era presente anche il senatore Massimiliano Romeo, eletto a Monza, che a sua volta ha assicurato un interessamento sulla questione presso il Ministero. Il progetto, di lungo termine ma ben lungi dall’essere un “sogno fantasioso”, comporterebbe per Monza la creazione di una nuova linea ferroviaria in superficie nella zona ovest della città, dove ci sono terreni agricoli residuali, con effetti rilevanti dal punto di vista ambientale e dell’inquinamento acustico. La linea prevede a regime almeno 200 treni al giorno 24 ore su 24, e stiamo parlando dei nuovi “merci-serpente” lunghi sino a 800 metri l’uno. All’assessore Terzi, come associazione monzese, abbiamo spiegato che in linea di principio non abbiamo nulla in contrario al progetto, a condizione però che la tratta monzese sia realizzata interamente sottoterra, in galleria profonda, ma assolutamente non in superficie.

Monza, 19 febbraio 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

Arengario di Monza

L'opera di Lisa Sotilis e il mito

dal 23 febbraio al 24 marzo 2019

 La mostra ripercorre la carriera eclettica di Lisa Sotilis che spazia dalla pittura alla scultura, dall’intarsio all’arte orafa. Un excursus sulla sua brillante vita artistica, iniziata prestissimo, che l’ha vista lavorare con i grandi maestri del Novecento, tra cui Andy Warhol, con il quale ha collaborato più volte e Giorgio De Chirico, di cui è stata l’unica assistente. 

 Inaugurazione: venerdì 22 febbraio 2019, ore 18.00

 Orari mostra:

da martedì a venerdì 15-19

sabato e domenica: 10-13 /15-19

 Ingresso libero

 

Print Friendly, PDF & Email

Apre lo «Sportello digitale»: da sabato 2 marzo attività di consulenza gratuita per le aziende e i professionisti

A partire da Sabato 2 Marzo, sarà attivo presso Match Point Coworking (Via Francesco Ferrucci 15) lo sportello di assistenza gratuita per l’utilizzo professionale di strumenti di comunicazione digitale. L’iniziativa, promossa dall’Amministrazione Comunale di Lissone in collaborazione con Spazio Giovani – Società Cooperativa Sociale Onlus, è rivolta non solo a piccole e medie imprese, ma anche ad artigiani e a professionisti. Lo "Sportello digitale" sarà aperto ogni sabato mattina, dalle 10 a mezzogiorno, e sarà gestito da un volontario di Spazio Giovani esperto di comunicazione digitale.

L'obiettivo è quello di attivare sessioni di consulenza personalizzata al termine dei quali proporre una "ricetta digitale" che risponda alle esigenze rilevate dagli utenti. Si tratta di un servizio che intende promuovere una corretta alfabetizzazione digitale anche al fine di supportare i giovani imprenditori lissonesi nella delicata fase di passaggio generazionale delle piccole e medie imprese a conduzione familiare.

La presentazione dello “Sportello digitale” si terrà Venerdì 1 Marzo, alle ore 18:00, presso Match Point Coworking. Sempre presso Match Point Coworking , alle ore 18, nel mese di marzo si svolgeranno altre due conferenze tematiche:

-         Venerdì 15 Marzo 2019 ‹‹Usare professionalmente Social Media e contenuti per le piccole e medie imprese››,

-         Venerdì 29 Marzo 2019 ‹‹Trovare nuovi clienti e partner con il marketing digitale››.

Lissone, 16 Febbraio 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

LIBRI IN CARCERE
Un progetto per sviluppare il servizio bibliotecario della casa circondariale di via San Quirico

Monza, 15 febbraio 2019. Ci sono i best seller, come «Lazarus» di Lars Kepler o «La spada dell'impero» di Simon Scarrow, le grandi inchieste come «Il patto sporco» di Nino Di Matteo e Saverio Lodato e lo sport con «Zanetti. Leggenda dell'Inter».Nuovi libri in Carcere. Sono settantotto, per un costo di mille euro, i libri acquistati dal Comune di Monza e donati alla Biblioteca del Carcere di via San Quirico. Un progetto che nasce dalla Convenzione tra il Comune e la Casa Circondariale di Monza, firmata lo scorso 23 novembre, per promuovere lo sviluppo del servizio bibliotecario carcerario.Promuovere la lettura. «Obiettivo della Convenzione - spiega l’Assessore ai Sistemi Bibliotecari Pier Franco Maffè – è far scoprire come il carcere è un ambiente che presenta delle difficoltà, ma può essere anche un luogo dove si crea e si diffonde cultura, rompendo in questo modo facili pregiudizi e preconcetti». Lo scopo è la promozione della lettura favorendo quanto più possibile l'accesso dei detenuti ai volumi della Biblioteca della Casa circondariale, «potenziata» dall'arrivo di nuovi volumi. La Biblioteca del Carcere monzese conta un patrimonio di oltre dieci mila titoli e due mila prestiti annuali.La Biblioteca, luogo di scambio. L’Assessore guarda oltre l’acquisto dei libri: «Con la Convenzione vogliamo sostenere l’attività della Biblioteca della Casa circondariale perché diventi un volano per dare vita a un continuo scambio tra il carcere e l'esterno, mettendo così in contatto e in dialogo mondi diversi: il volontariato, il Sistema Bibliotecario e i detenuti».Partnership a tre: Comune, Carcere e volontariato. Con il documento dello scorso novembre, che ha una durata di cinque anni, è stato istituito un rapporto organico tra i sistemi bibliotecari della Città di Monza e la Biblioteca interna alla Casa Circondariale di Monza, gestita dai volontari dell’associazione «La biblioteca è una bella storia» che garantiscono l’apertura della biblioteca del carcere per più di venti ore settimanali. In particolare il Comune di Monza si impegna a fornire un supporto di conoscenze e competenze per l’apprendimento di tecniche elementari di gestione di una biblioteca di base e a garantire il servizio di prestito interbibliotecario con le biblioteche del sistema BrianzaBiblioteche, oltre ad aggiornare e incrementare il patrimonio librario e documentario della biblioteca di via San Quirico, sulla base dei suggerimenti di chi utilizza la biblioteca raccolti dai volontari de «La biblioteca è una bella storia». Il nuovo «patrimonio». Tra i nuovi libri entrati in carcere, oltre a romanzi ci sono i classici della letteratura in lingue straniere: inglese, francese, spagnolo e tedesco. Ma anche russo, cinese e arabo. E ancora manuali, libri sportivi e di psicologia, testi e dizionari per imparare la lingua italiana di particolare interesse per l’utenza carceraria straniera.

 

Print Friendly, PDF & Email

Comunico che venerdi 22 febbraio 2019, alle ore 20,30

 presso la sala polifunzionale della RSA Bellani, via Lipari 7, Monza,

 Maurizio Boerci ci parlerà della Lombardia spagnola tra narrazione manzoniana e realtà storica.

 Grazie e cordiali saluti, Antonio Sala

 

Print Friendly, PDF & Email

VENERDI' 22 FEBBRAIO | ore 20.30 | TeatrOreno (via Madonna, 14)

LASCIAMI VOLARE

Incontro con l'Associazione Ema pesciolino rosso*

Papà Gianfranco racconta la propria storia e quella di suo figlio Emanuele. Una testimonianza di vita, per cercare di condividere l’idea che non solo possiamo sopravvivere al dolore, ma che le sofferenze e le difficoltà della vita ci possono rendere migliori, perché quello che oggi sembra farci cadere può essere quello che domani ci aiuterà a stare in piedi.

* Pesciolino Rosso ha organizzato oltre 1.000 incontri in tutta Italia con 300.000 genitori e studenti

GIOVEDì 28 FEBBRAIO | ore 21 | Sala Conferenze Villa Gussi (via Mazzini, 41)

#NOBULLISMO: COME E DOVE IMPARARE IL VALORE DEL RISPETTO

Incontro a cura dell'IIS Floriani di Vimercate.

Mimmo Paolini, Formatore in tema di Legalità digitale, parlerà di microcriminalità all’interno degli Istituti Scolastici, del ruolo della scuola, delle famiglie e delle istituzioni, dell'affermazione dell’identità reale attraverso i social, del concetto giuridico e psicologico di concorso materiale e morale, della logica del branco/gang.

Don Claudio Burgio, Fondatore e Presidente dell’Associazione KAYROS Onlus di Vimodrone e cappellano dell’Istituto penale minorile “Cesare Beccaria” di Milano, parlerà di disagio giovanile e dell’esperienza educativa e rieducativa dei ragazzi.

VENERDI' 1 MARZO | ore 21 | Sala Conferenze Villa Gussi (via Mazzini, 41)

NUOVE SOSTANZE PSICOATTIVE: COSA SONO E QUALI DANNI PROVOCANO

Incontro a cura dell'Assessorato alle Politiche Sociali.

La serata sarà dedicata ad affrontare l'allarme legato alla sempre più massiccia presenza di nuove sostanze psicoattive. Intervengono Davide Lonati e Carlo Alessandro Locatelli, medici del Servizio di Tossicologia/Centro Antiveleni di Pavia/Centro Nazionale di Informazione Tossicologica degli Istituti Clinici Scientifici Maugeri.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Il Museo d’Arte Contemporanea ospita il progetto di alternanza scuola-lavoro «Museum at Work»

Un progetto di alternanza scuola/lavoro ospitato nella struttura museale di viale Elisa Ancona che prevedrà 16 incontri con le classi dell’Istituto Hensemberger di Monza per avvicinare gli studenti al mondo dell’impiego. Patrocinato dall’Amministrazione Comunale di Lissone e promosso dalla Cooperativa sociale EOS, cui è affidata la gestione della didattica museale, nelle prossime settimane prenderà il via «Museum at Work», una modalità didattica innovativa che includerà lezioni presso gli spazi del MAC – Museo d’Arte Contemporanea di Lissone.

Le porte del Museo si apriranno per ospitare gli studenti che frequentano il Liceo delle scienze applicate nell’Istituto monzese, sviluppando insieme a loro un’offerta di educazione al patrimonio e di didattica museale diversificata. La proposta di Cooperativa sociale EOS rientra nel progetto di alternanza scuola/lavoro, obbligatorio per gli studenti della scuola secondaria di secondo grado, e attraverso la formula “Museum at work” si vuole offrire agli studenti una possibilità di scelta diversa e insolita.

Il percorso, che accompagnerà i ragazzi alla scoperta del mondo museale educando al rispetto e alla valorizzazione del patrimonio, si snoderà in 15 incontri e vedrà come conclusione una visita guidata delle mostre in corso al MAC. L’intento sarà quello far conoscere il mondo lavorativo dell’arte e le sue diverse mansioni, dalla catalogazione delle opere all’allestimento di mostre, eventi ed esposizioni.

“Un progetto di grande importanza per il Museo d’Arte Contemporanea che ripetiamo dopo l’ottimo riscontro avuto nel 2017 - sottolinea Alessia Tremolada, assessore alla Cultura - “Museum at work” rappresenta un’esperienza virtuosa sia per il Museo che apre i suoi spazi e mette in gioco le proprie conoscenze, sia per gli studenti che possono svolgere un’attività formativa diversa e coinvolgente. L’alternanza scuola lavoro rappresenta un progetto importante per gli studenti delle scuole secondarie e Cooperativa EOS si è proposta per fornire un’offerta di qualità e altamente formativa”.

Lissone, 14 Febbraio 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

Posticipata l’iniziativa “La Brianza che accoglie” Per motivi personali, Mimmo Lucano non potrà essere presente a Monza: posticipate a data da destinarsi tutte le iniziative previste nella giornata di domani, giovedì 14 febbraio A causa di motivi personali, Mimmo Lucano non potrà essere a Monza. Sono state posticipate a data da destinarsi, dunque, tutte le iniziative del sindaco di Riace previste in Brianza nella giornata di giovedì 14 febbraio. Lucano avrebbe inizialmente fatto tappa, per un saluto, alle classi quarte e quinte dell’istituto scolastico superiore Mosè Bianchi di Monza, per poi essere ospite, alle 16, della Scuola di Formazione Politica Alisei della Camera del Lavoro. Posticipata, naturalmente, anche l’iniziativa pubblica delle 21, organizzata dalla rete delle associazioni de “La Brianza che accoglie”, prevista al Teatro Binario 7, sempre in città. “Siamo molto dispiaciuti per questo impedimento – hanno fatto sapere gli organizzatori –, siamo certi che troveremo un’altra occasione di incontro in Brianza”.

Monza, 13.02.2019

 

Print Friendly, PDF & Email

Domani giovedì 14/2 ore 10.30 Abbazia Mirasole - Opera

Milano, le nuove sfide dei campi

tra innovazione e sostenibilità

 Le nuove sfide dei campi tra innovazione e sostenibilità. Sono i temi al centro del vertice sull’agricoltura delle province di Milano, Lodi e Monza Brianza organizzato dalla Coldiretti interprovinciale domani, giovedì 14 febbraio alle ore 10.30, presso l’Abbazia Mirasole, Strada consortile Mirasole 7 a Opera (MI). Interverranno: Alessandro Rota, Presidente della Coldiretti di Milano, Lodi e Monza BrianzaFabio Rolfi, Assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia; Antonino Nucera, Sindaco di Opera; Luigi Simonazzi, Responsabile dell’Area economica della Coldiretti interprovinciale; Luca Bechini del Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali dell’Università degli Studi di Milano; Ilaria Locatelli di A2A Smart Land; Angelo Ceruti del Consorzio agrario Terrepadane.

 

Print Friendly, PDF & Email

Samuele Tieghi e Antonio Castagnoli, due brianzoli nelle Segreterie regionali di FLC e FIOM

 Samuele Tieghi e Antonio Castagnoli sono stati eletti, rispettivamente, nelle nuove Segreterie di FLC-Cgil Lombardia e Fiom-Cgil Lombardia. Entrambi hanno fatto parte delle Segreterie provinciali di categoria della Cgil brianzola. L’Assemblea Generale regionale della “federazione lavoratori della conoscenza” ha eletto il Segretario Generale Tobia Sertori, la Segretaria uscenteLuisa Teruzzi, e, appunto, il nuovo membro Samuele Tieghi. Alla presenza della Segretaria Generale CGIL Lombardia Elena Lattuada e della Segretaria organizzativa nazionale della FLC Cgil Francesca Ruocco, l’Assemblea si è espressa con 32 voti a favore, 10 contrari e 3 astenuti.

Orgoglioso di far parte di questa nuova squadra – ha fatto sapere Tieghi –; sono consapevole che il nuovo ruolo comporterà molto impegno, ma sono pronto a rispondere a questa responsabilità con determinazione ed energia”.

Così, anche la Fiom, ha rinnovato i suoi vertici regionali: l’Assemblea Generale, infatti, ha eletto con il 94% dei voti Alberto Larghi, confermato nel ruolo di Segretario, Patricia Lupi e il brianzolo Antonio Castagnoli, residente a Villasanta. Castagnoli e Lupi sostituiscono gli uscenti Pietro Locatelli e Cristina Beduschi.

Sono onorato di entrare nella segreteria della Fiom Lombardia – ha affermato Castagnoli –. Ho cominciato la mia esperienza sindacale come delegato della Gilera di Arcore. Porterò l’esperienza maturata in Brianza al servizio della categoria regionale”.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)