Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

Posta sotto sequestro l’ampio deposito di mezzi motorizzati in via della Offelera a Monza che era in contrasto con le prescrizioni del Piano di Governo del Territorio della città. Il primo importante passo è stato fatto per poter recuperare l’area agricola posta a Nord di Via della Offelera, nel quartiere di Sant’Albino.

Nella giornata di giovedì 23 Maggio, su disposto della Procura della Repubblica, la Polizia Municipale di Monza ha messo i sigilli all’area utilizzata, da più di un anno, come deposito di automezzi pesanti. Questa attività è stata realizzata su un terreno di circa 8.000 mq che il PGT di Monza e il PTCP provinciale vincolano ad area agricola.

Il 19 e il 20 Aprile 2018 abbiamo scritto e consegnato una segnalazione, agli organi preposti al controllo del territorio, del Comune e della Provincia. Abbiamo collaborato con i comitati locali per sensibilizzare, ulteriormente, le istituzioni e i cittadini. In diverse occasioni abbiamo chiesto alla Polizia Municipale se e come procedessero i controlli, senza ottenere risposte.

Infine ci siamo rivolti all’ufficio legale della nostra associazione e, il 6 e 7 Febbraio 2019, abbiamo consegnato, in Procura ed al gruppo Forestale dei Carabinieri, un esposto perché fosse fatta chiarezza sulla legalità di quell’insediamento e perché venissero intraprese le doverose azioni giudiziarie.

Oggi apprendiamo che già il 22 Febbraio di quest’anno la Polizia Locale era intervenuta con un sequestro probatorio di una piccola parte dell’area; quasi un anno dopo la nostra prima segnalazione, senza però bloccarne l’attività.

Quando cittadini, associazioni, istituzioni e magistratura collaborano, sinergicamente, si ottiene un efficace il “contrasto all’illegalità” sul territorio.

Questo rimessaggio per autocarri pesanti avrebbe potuto creare pesanti danni ambientali quali: inquinamento da idrocarburi del suolo e delle falde acquifere, inquinamento atmosferico e acustico da parte degli automezzi, insicurezza stradale viste le ridotte dimensioni di via della Offelera e del suo incrocio su via Adda.

I documenti di pianificazione territoriale di Comune e Provincia prevedono, per tutto il settore sud-est di Monza, un’ampia area non urbanizzata e destinata all’agricoltura. Le prospettive ambientali sono quelle di realizzare un ampio parco agricolo fino al Parco INCREA di Brugherio. Nella speranza che il sequestro diventi definitivo, ci auguriamo che le attività svolte finora non abbiano compromesso le qualità del suolo, indispensabile per realizzare questo obiettivo.

Monza, 27.05.2019

 

Print Friendly, PDF & Email

Un concerto con gli alunni delle scuole per celebrare la Festa della Repubblica Italiana

Un concerto con la presenza degli alunni delle scuole del territorio per celebrare la Festa della Repubblica Italiana: domenica 2 giugno Lissone omaggerà la giornata di Festa celebrando la costituzione della Repubblica con un concerto all’aperto. Alle 21 in Piazza IV novembre, di fronte alla Biblioteca Civica, con il patrocinio e contributo del Comune di Lissone, si terrà il Concerto del Corpo Bandistico Santa Cecilia.

Diretta dal Maestro Roberto Turriani, la banda potrà avvalersi della partecipazione straordinaria degli alunni delle classi quarte delle scuole Dante e Tasso che saranno presenti in Piazza IV Novembre con il proprio Corpo docente per prendere parte ad alcune fasi del Concerto.

Insieme agli alunni, la “Santa Cecilia” eseguirà brani da concerto, arrangiamenti tratti dal repertorio classico e colonne sonore legate alla festa istituzionale del 2 giugno.

Solo in caso di maltempo, il Concerto si terrà presso Palazzo Terragni.

Lissone, 27 Maggio 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

VIA DELL’OFFELERA, IL RUOLO DELLA POLIZIA LOCALE

Il sequestro dell’area disposto dalla Procura della Repubblica è partito da un’azione di controllo e monitoraggio del territorio da parte degli agenti del Comando di via Marsala

Monza, 24 maggio 2019. È partita da un’operazione della Polizia Locale l’indagine della Procura della Repubblica di Monza che ieri ha portato al sequestro preventivo di una vasta area verde in via dell’Offelera, nel quartiere di Sant’Albino sul confine con Agrate, Brugherio e Concorezzo.

Da area agricola a deposito. L’area agricola sequestrata di circa 8 mila mq. fa parte di una più vasta di oltre 50 mila mq. acquistata nel 2017 all’asta da due imprenditori del settore dei trasporti che l’avevano trasformata in un parcheggio/deposito per autocarri in contrasto con lo strumento di pianificazione urbanistica che prevede il mantenimento della destinazione agricola dell’area stessa e la realizzazione di una pista ciclabile su via dell’Offelera. Tra il maggio 2018 e il febbraio 2019 l’area è stata recintata, dotata di impianti idrici, elettrici e fognari e di un sistema di videosorveglianza, inoltre sono stati costruiti due prefabbricati a uso ufficio e magazzino e sono state collocate due cisterne per erogare gasolio ai mezzi. I due proprietari sono stati indagati per reati urbanistico-edilizi, ambientali connessi a inquinamento del suolo e per disturbo della quiete pubblica.

Il ruolo della Polizia Locale. L’azione di controllo e monitoraggio dell’area da parte della Polizia Locale era iniziata, su segnalazione dei residenti, nella primavera dello scorso anno. Il Comando di via Marsala, a seguito di numerosi sopralluoghi sull’area, aveva trasmesso una notizia di reato alla Procura della Repubblica lo scorso 8 giugno. Poi il 22 febbraio di quest’anno la Polizia Locale aveva provveduto a un sequestro di natura probatoria di una parte dell’area a causa della presenza di una cisterna di gasolio.

Azione comune contro l’illegalità. Il Sindaco, che ha voluto ringraziare il Procuratore della Repubblica, i magistrati e i componenti del Dipartimento Tutela Ambiente e Edilizia della Procura per il lavoro svolto, ha sottolineato che questa operazione conferma che l’unico modo per combattere la criminalità è portare avanti un’azione sinergica tra istituzioni e magistratura. Il contrasto all’illegalità non si fa a parole o a colpi di polemiche sui giornali. Ma portando avanti azioni concrete, monitorando costantemente il territorio, prevenendo e reprimendo tutti i comportamenti fuori legge. 

La Procura della Repubblica ha affidato l’area in custodia al Comune di Monza.

 

Print Friendly, PDF & Email

Vimercate. Il Centro del riuso Panta Rei si presenta. Sabato 1 giugno, alle ore 17,30

Il Centro del riuso Panta Rei apre i battenti per presentarsi alla città. Sarà un luogo dove gli oggetti usati potranno avere una seconda vita invece di finire in piattaforma ecologica e diventare rifiuti.

La presentazione si terrà sabato 1 giugno alle ore 17,30 in via Manin 20 a Vimercate

 Saranno presenti i promotori del progetto: il Sindaco di Vimercate Francesco Sartini, l’Assessore all’Ambiente Maurizio Bertinelli, l’Amministratore unico di Cem Ambiente Antonio Colombo e il Direttore generale Massimo Pelti. Per l’ente gestore Cooperativa Mani Tese ci sarà Renato Conca Coordinatore Generale della Cooperativa.

L’iniziativa è finalizzata a far conoscere il Centro del riuso Panta Rei al territorio e invitare i cittadini a capire le modalità del suo funzionamento. L’apertura ufficiale, con la piena attivazione del servizio, partirà da sabato 8 giugno.

IL PROGRAMMA dell’ 1 giugno

Si comincia alle ore 17,30 con i saluti istituzionali e la presentazione del progetto.

Dalle ore 17,45 alle 18,45 si terranno attività e intrattenimenti per grandi e piccini con i laboratori di ciclofficina, restauro mobili, decoupage, riciclo tele ombrelli per borse e capsule caffè per bigiotteria e piccoli oggetti, upcycling e riuso per bambini da 4 a 10 anni. La partecipazione ai laboratori è gratuita.

PER SAPERNE DI PIU’ sul Centro del riuso Panta Rei

 Il Centro del riuso intercomunale Panta Rei è un luogo attrezzato, nato per dare nuova vita agli oggetti che, altrimenti, finirebbero in piattaforma ecologica e diventerebbero rifiuti. Nel Centro del riuso ognuno può consegnare quello che non usa più ma che può essere utile ad altri. In questo modo si allunga il ciclo di vita degli oggetti, con vantaggi per l’economia e per l’ambiente. I beni usati, integri e funzionanti, vengono consegnati gratuitamente, catalogati e messi in vendita direttamente o dopo operazioni di pulizia e di piccole manutenzioni. I prezzi dei beni sono molto inferiori rispetto a quelli di mercato e il ricavato sarà usato esclusivamente per coprire i costi di gestione del Centro.

Il Centro del riuso Panta Rei è stato ideato e progettato dal Comune di Vimercate e realizzato in collaborazione con CEM Ambiente che ha messo a disposizione i locali. La gestione è stata affidata alla Cooperativa Mani Tese. Il progetto è finanziato al 70% dal bando di Regione Lombardia del 2017 sui centri di riutilizzo. 

La filosofia

Panta Rei. Ovvero Tutto cambia, tutto si trasforma, niente resta immutato

Panta Rei è un fiume di oggetti che passano di mano in mano, continuando a vivere così come sono, magari dopo semplici riparazioni, oppure trasformati grazie alla creatività e immaginazione che chiunque, come volontario, vorrà mettere a disposizione della comunità. Panta Rei è l’essenza del divenire in antitesi con la cultura dell’usa e getta ormai insostenibile per l’ambiente che ci circonda e in cui viviamo.

Panta Rei online

Il Centro del riuso Panta Rei è anche online grazie al sito www.qrmobile.org\riusovimercate e alla pagina Facebook Centro Riuso Panta Rei.

Il Centro del Riuso cerca volontari

Chiunque avesse del tempo libero può proporsi per dare una mano al Centro del riuso Panta Rei. Come? Proponendosi per la logistica, per un corso di riutilizzo o per allestire un laboratorio di riparazione. Ogni iniziativa di volontariato è benvenuta.

Gli interessati possono scrivere a: riusopantarei@gmail.com.

 

Print Friendly, PDF & Email

“IN FORMA NEL PARCO”: TENERSI IN FORMA ALL’APERTO

Dal 10 giugno al 2 agosto e dal 2 al 6 settembre al Parco Sottocasa L’assessorato allo Sport ritorna a proporre l’iniziativa “In forma nel parco” nella stessa formula degli anni precedenti: frequenza gratuita e la possibilità di scegliere due percorsi GREEN e BLUE. Fondamentale come sempre la collaborazione con l’associazione Muoverti ad Arte ASD che coordina le altre associazioni e perme la realizzazione di questa attesa iniziativa. I PERCORSI Il percorso GREEN è strutturato secondo attività nei parchi e in percorsi cittadini; chi sceglie questo percorso svolgerà attività di movimento anche sul territorio cittadino e nelle frazioni, chi viceversa sceglie il percorso BLUE svolgerà attività più circoscritte all’interno del parco Sottocasa. Due gli orari disponibili la mattina dalle ore 10.00 alle ore 11.00 (dal lunedì al giovedì) e il pomeriggio dalle ore 18.30 alle ore 19.30 (dal martedì al venerdì). Accesso libero e adesione obbligatoria presentando la dichiarazione di esonero di responsabilità direttamente agli istruttori da ritirare a Spazio Città.

Vimercate, 23 maggio 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

BRIANZA PRIDE PARK
LA FESTA DELLA LIBERTÀ DI “ESSERE”

IL 26 MAGGIO A VILLA BAGATTI VALSECCHI - VAREDO (MB)

Domenica 26 maggio Rete Brianza Pride lancia, a Villa Bagatti Valsecchi di Varedo (MB) la 1° edizione di Brianza Pride Park, la festa della libertà di essere è contro ogni discriminazione.

Brianza Pride Park è una festa delle famiglie e delle persone, dove tutti possano esprimere liberamente la loro voglia di essere e comportarsi. Una festa che incarna in ogni sua fibra il motto di Brianza Pride#vienicomesei.

Una giornata per tutti, tutte, tutt*; dove varie realtà ed organizzazioni territoriali esporranno le loro attività e idee, dove la gente possa conoscere realmente il valore delle diversità e dell'inclusione sociale, della lotta alle discriminazioni e violenze di ogni genere e della creazione di cultura nella nostra provincia Monza e Brianza.

Il Comitato PRO Brianza Pride è espressione del collettivo “Rete Brianza Pride” che con pazienza e dedizione culturale sta intessendo nel territorio brianzolo la prima riflessione-azione sulla comunità LGBTQ+, chiamando tutta la cittadinanza tra le strade di MONZA per il Pride del 6 luglio, il primo della provincia Monza e Brianza.

Insieme ai rappresentanti del Comitato parleranno, tra gli altri, AgedoAntonia MonopoliAvis, Brianza Comics, Tiki Taka, Scarpette Rosse, Bossy, UOMTS Muggiò: realtà diverse che camminano nella stessa direzione per combattere lo stigma e lo stereotipo tra persone.La giornata vedrà alternarsi incontri e dibattiti. Food truck dolci e salati saranno pronti a soddisfare tutti i gusti, con proposte gastronomiche che spaziano tra arrosticini, crepes, pizzoccheri, hambureger e friggitoria, oltre a un punto bar aperto tutto il giorno. Non mancheranno momenti ludici per tutta la famiglia, conintrattenimento per bambini con gonfiabili e truccabimbi. Ma anche musica e concerti: dalle ore 18.30, infatti, si alterneranno diversi artisti e musicisti. Tra i primi nomi cofermati: EgokidZuinChris Bona DJ setOne Boy BandOver the Wall. Molti saranno ancora i nomi degli artisti che animeranno la serata.

L’obiettivo è quello di raggiungere ogni persona a prescindere dalla sua età ed ogni famiglia. Brianza Pride Park: una Brianza colorata, divertente e allegra che si riunirà per una straordinaria festa di libertà, resa possibile grazie al lavoro di associazioni e realtà territoriali oltre che, naturalmente, dalla partecipazione di quanti credono in una società inclusiva, gioiosa e solidale.

 

Print Friendly, PDF & Email

PARCHI E GIRADINI, MONZA SI FA BELLA

Investimenti per oltre 73 mila euro per la manutenzione delle aree verdi e dei giochi in diverse zone della città

 Monza, 21 maggio 2019. Dai 20 mila euro per sistemare le recinzioni e i cancelli delle aree verdi ai 1.800 euro per ripristinare il gioco vandalizzato in via Monte Bisbino: l’Amministrazione Comunale ha messo sul piatto poco più di 73 mila euro (73.593 euro) per la manutenzione degli spazi verdi e dei giochi in diverse zone della città, soprattutto periferiche. Un vero e proprio «piano» di interventi straordinari.

Un investimento «sociale». Secondo il sindaco si tratta di un investimento «sociale» visto che si interviene in luoghi straordinariamente importanti per la vivibilità di un quartiere. Sistemare un’area verde o mettere a posto un gioco non è, infatti, solo un intervento di manutenzione. È, soprattutto, un’«arma» contro il degrado di una società malata che ha perso il significato di «bene pubblico». La presenza delle mamme, dei nonni e dei bambini nei giardini sono il miglior presidio contro il vandalismo.

Questi gli interventi conclusi: sistemazione dell’area giochi del giardino di via Sibelius/Pergolesi; manutenzione dei giochi e degli arredi di via Puglia/Lucania; riparazione degli arredi e delle recinzioni dell’area di viale Libertà/Papini; rifacimento del vialetto e manutenzione dei giochi in via Pacinotti; sistemazione delle recinzioni e dei cancelli di diverse aree verdi (via Biancamano, via Rovetta/Canesi, via Don Valentini, via Molise, via Calatafimi/Cappuccini, via Puglia/Lucania, via Pier della Francesca e via Collodi/Deledda/Borsa); intervento sui giochi del «Giardino Incantato» di via Azzone Visconti e posa di pavimentazione anti-trauma; nuovo impianto di illuminazione dell’area cani via Giacosa; manutenzione dell’«aereo/scivolo» vandalizzato in via Monte Bisbino; sostituzione dei corpi illuminati con luci a Led in via Boito/Perosi.

 Interventi entro il 30 settembre. Ma non è finita qui. L’Amministrazione Comunale, entro fine settembre, interverrà su altre sei aree: nuovi giochi saranno posizionati al Parco Varisco di San Fruttuoso; il Parco della Boscherona sarà oggetto di una completa manutenzione; saranno cambiati i giochi in viale Romagna; in via Biancamano/Monte Cervino sarà realizzato un nuovo spazio giochi; le aree di via Monte Sabotino e via Manara saranno riqualificate.

Interventi entro il 31 dicembre. Il piano di interventi straordinari di manutenzione di parchi e giardini si concluderà entro la fine dell’anno con la riqualificazione di altre cinque aree: via Poma/Procaccini, via Debussy, via Calatafimi/Cappuccini, via Annoni/Baracca e i giochi della Scuola dell’infanzia «Modigliani».

 

Print Friendly, PDF & Email

Concorso di idee per il Centro storico: in un video i 3 progetti finalisti e tutti i progetti partecipanti

Un video per visionare i 3 progetti finalisti del Concorso di idee per la riqualificazione del Centro storico e di Piazza Libertà. Oltre alla mostra espositiva allestita nell’atrio del Municipio, l’Amministrazione Comunale ha predisposto anche un video in cui ha riunito i 3 progetti che concorrono alla vittoria finale oltre a tutti quelli presentati e sottoposti al giudizio della Commissione tecnica. Il video, consultabile sul canale YouTube del Comune di Lissone al link https://bit.ly/2Eiwb94, ha registrato oltre 1.000 visite nelle prime 48 ore, confermando il forte interesse della cittadinanza verso la tematica. Il video, oltre a mostrare rendering e visioni prospettiche dei 3 progetti finalisti, mostra anche i titoli, i progettisti ed una immagine degli altri 16 progetti presentati. Il video, oltre che su YouTube, sarà diffuso anche nei pressi della mostra allestita in Comune. Fino al 22 giugno, sarà possibile votare il progetto preferito fra i 3 finalisti per i lissonesi con almeno 16 anni compiuti e per i titolari di attività commerciale con sede in città. Gli orari di apertura della mostra - e di conseguenza la possibilità di voto - coincideranno con l'apertura al pubblico dell'URP - Sportello per il cittadino: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 13.30, il lunedì e il mercoledìanche nel pomeriggio dalle 14.30 alle 18, il sabato dalle 8.30 alle 11.30.

Lissone, 21 Maggio 2019

 

Print Friendly, PDF & Email

ENPA Monza si fa in 10!

A giugno la prima di dieci serate di approfondimento cinofilo.

Il mondo del cane è in costante e continua evoluzione e gli argomenti a tema cinofilo sono tantissimi. ENPA di Monza e Brianza ne ha selezionati 10 che saranno i temi di altrettante serate/incontro che si svolgeranno sia quest'anno sia nel 2020. Interverranno relatori importanti come Ivano Vitalini e Luca Spennacchio, istruttori cinofili, Elena Garoni, veterinaria comportamentalista, Cinzia Stefanini, educatrice cinofila.

Le serate di svolgeranno presso la Sala Conferenze del rifugio di Monza, via San Damiano 21, alle ore 21; l'ingresso è a offerta libera fino ad esaurimento posti e il ricavato andrà a sostegno della attività di ENPA Monza e Brianza.  

5 giugno, si comincia!

Mercoledì 5 giugno è in programma la prima delle dieci serate dal titolo "Il privilegio di avere l'affetto di un cane reduce dalla sperimentazione animale".

Le relatrici saranno Valentina Dal Buono, educatrice cinofila e volontaria ENPA Monza e Silvia Ruffinello, volontari OIPA che presenterà il suo nuovo libro "Il viaggio di Lillo verso la libertà".

Il ricavato della vendita del libro sarà devoluto all'associazione Collina dei Conigli di Torino Onlus e contribuirà a pagare le spese processuali dei ragazzi condannati per aver liberato 70 beagle dal lager di Green Hill, il tristemente famoso allevamento di Montichiari (BS), mentre il ricavato della serata servirà a finanziare il tanto atteso progetto ENPA volto alla realizzazione del Centro di Recupero dei beagle da laboratorio che sta sorgendo a Concorezzo (MB).

Dall'inferno della sperimentazione a una vita in famiglia

Silvia Ruffinello ben conosce il mondo dei beagle da laboratorio, avendo adottato prima Freedom, che ha vissuto sei mesi a Green Hill prima dell'adozione, e successivamente Lillo, arrivato al canile di Monza dopo una vita in laboratorio in Spagna e poi a Napoli, utilizzato come cavia per testare i vaccini per la leishmania. I suoi beagle erano già stati i protagonisti del libro di Silvia “Freedom, Lillo & Co. Green Hill: l’inizio della sua fine”, in cui Freedom racconta la sua storia fatta di dolore, paura e felicità e Lillo, beagle poliglotta che parla spagnolo misto a francese e napoletano, proprio grazie a Freedom riesce a diventare un cane "normale".

La serata è aperta a tutti; è gradita la prenotazione.

Per info: prenotazioni@enpamonza.it / Ilaria 328-4528309.

 

Print Friendly, PDF & Email

INCONTRO TRA IL SILP CGIL E IL QUESTORE DI MONZA E DELLA BRIANZA

Nel pomeriggio di giovedì 16 maggio, la Segreteria Regionale e i rappresentanti locali del Silp Cgil, hanno incontrato il Questore di Monza e della Brianza Dottor Sinigaglia. L’incontro, che si è svolto in un clima di cordiale stima reciproca, ha permesso di affrontare alcune problematiche legate all’apertura della nuova sede, e in particolare: organici, uffici, alloggi collettivi per il personale e spazi benessere. Questa Organizzazione Sindacale ha stigmatizzato il rapporto tra cittadinanza della provincia di Monza e della Brianza (circa 900 mila) e l’attuale numero di operatori (129), evidenziando che anche quando si arriverà ai 185 operatori previsti dal Decreto attuativo, bisognerà puntare ad arrivare almeno ai 230 poliziotti, per garantire la sicurezza ad una delle province più produttive d’Italia, che negli ultimi anni sta vivendo una situazione di degrado e che vede alcune zone della città in mano a vere e proprie bande dedite a svariati reati. E’ stata inoltre evidenziata la disparità nella distribuzione dei locali tra la Questura e la Prefettura.

Non si è considerato che il personale della Questura, a regime sarà di circa 200 operatori cui si aggiunge un significativo accesso di pubblico (Ufficio Immigrazione, P.A.S. e Denunce), mentre il personale della Prefettura dovrebbe attestarsi a circa 35 operatori, con scarsa presenza di pubblico. Di fondamentale importanza sono le questioni attinenti agli alloggi, nonché agli spazi e ai luoghi destinati al benessere del personale. Il Questore Sinigaglia ha recepito quanto segnalato dal Silp Cgil, assicurando che con il termine dei prossimi corsi Agenti, verrà assegnato alla Questura di Monza il personale necessario per completare l’organico previsto dal Decreto attuativo. In ordine all’assegnazione di nuovi spazi da destinare agli uffici della Questura, questo dipenderà dall’ultimazione dei lavori e dagli spazi che non verranno utilizzati dalla Prefettura.

Relativamente agli alloggi per il personale, sono in via di ultimazione 20 posti letto che, al termine dei lavori, potrebbero raddoppiare. Infine, il Dottor Sinigaglia ha manifestato la propria intenzione di individuare dei locali da destinare a sala benessere. La Segreteria Regionale del Silp Cgil, vigilerà, anche attraverso la Segreteria Nazionale, affinché il Dipartimento dia seguito alla corretta esecuzione del Decreto attuativo della neo Questura di Monza e della Brianza.    

Sindacato Italiano Lavoratori di Polizia Cgil

Segreteria Regionale Lombardia

Monza 20 maggio 2019

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)