Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

immagine apertura

Qualche grafico per dimostrare le tendenze di lungo periodo dell'economia nazionale. Non andrà bene ed è bene saperlo per non farsi infinocchiare da certa informazione.

Pochi convenevoli. Se in giro il fine d’anno è stato tutto un fiorire di “crisi alla spalle” e “finalmente un segno più”, è meglio chiarirsi. Non solo un segno positivo non fa primavera ma la traiettoria del fenomeno è ellittica, nel senso che in viaggio c’è un cetriolo che torna sempre in posti ombreggiati, caldi, adusi e abusati.

Diamo una occhiata alle previsioni per l’Italia del Fondo Monetario Internazionale (non proprio il centro studi del Leoncavallo). Il report è il World Economic Outlook di Ottobre 2015, che contiene previsioni fino al 2020. Fermo restando che i forecast (oh come fa scena usare l’inglese) di quelli lì di solito peccano in positivo, la situazione è la seguente.

 

DISOCCUPAZIONE – rimane stabilmente più alta rispetto ai livelli pre-crisi, contenti vero?

14 01 2016 immagine1 

 

TASSO DI OCCUPAZIONE – sempre lì in valori assoluti, sempre lì (le previsioni arrivano fino al 2016). Non c'è jobs act che tenga.

14 01 2016 immagine2 

 

RAPPORTO DEBITO/PIL – rimane stabilmente più alto rispetto ai livelli pre-crisi (chiaro che tutte le cure somministrate per ridurre il debito lo hanno invece aumentato?)

14 01 2016 immagine3 

 

TASSO DI RISPARMIO – si deteriora (ma va?)

14 01 2016 immagine4 

 

Ma ripartiamo proprio dal tasso di risparmio. Molto istruttive le 17 pagine dell’audizione in Commissione Finanze della Camera dei Deputati di Carmelo Barbagallo, Capo del Dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria della Banca d’Italia, avvenuta il 9 Dicembre 2015.

Il nostro, lo dice papale papale: era meglio quando di stava (secondo alcuni) peggio. Morale della favola “a regime”: il PIL scenderà ancora e molti perderanno il proprio lavoro.

 14 01 2016 barbagallo 1

 

14 01 2016 Barbagallo 2

 

14 01 2016 Barbagallo 3

 

14 01 2016 barbagallo 4

 

Gli autori di Vorrei
Ivan Commisso
Author: Ivan Commisso

Vado per i quaranta, mi occupo di soluzioni pubblicitarie online in una grande concessionaria. La mia formazione universitaria è economica. Sono giornalista pubblicista e su Vorrei scrivo per lo più di economia perchè da lì verranno (ulteriori) problemi e su quel tema si dicono un sacco di fesserie. Nota Bene: mi piacciono le metafore, i dolci e la Calabria.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)