Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

LA VOLPE E L'UVA - VII edizione della critical wine di Monza e Brianza

25/26 MAGGIO 2019

FOA Boccaccio 003 

via Rosmini 11, Monza

Ingresso 5 euro con degustazione

https://www.facebook.com/lavolpeeluvamonza/

Il maggio pazzesco della FOA Boccaccio prosegue e dopo le GORGONI, le 2000 persone del VINYL, gli INTO THE WEEK arriva finalmente anche LA VOLPE E L'UVA, la critical wine di Monza e Brianza giunta ormai alla settima edizione, quest'anno con ancora più musica e teatro per un ricchissimo programma di contorno alle consuete degustazioni di vini e cibi autentici e genuini.

Consulta l'elenco dei produttori dell'edizione 2019.

********◇**********●***********◇**********●**********◇**********●**********◇********

In questo ultimo decennio abbiamo visto cambiare e trasformarsi molte cose nei molteplici mondi del vino: derive industriali, scientifiche e tecniche, patrimoni culturali e agronomici sparire nel nulla; insistenti e ipocrite strategie promozionali, mode e tendenze effimere buone solo per vendere e guadagnare ma anche guizzi imprevisti, tanta voglia di fare e cambiare un ambiente ingessato, modi di produzione innovativi, spazi di libertà e di immaginazione, progetti e rapporti sociali nuovi e coraggiosi, specificità territoriali e produttive valorizzate e rinate.
 L’Italia è il paese del Vinitaly, la manifestazione che più d’ogni altra ha scandito l’evoluzione del sistema vitivinicolo nazionale ed internazionale.
 E oggi, ormai sono decine gli eventi che evocano la naturalità, la territorialità e l’autenticità con strategie di marketing vincenti. Decine di eventi col patrocinio delle istituzioni, dal Comune alla Regione, dall’Assessorato al Ministero. Partner, più o meno patinati, che spaziano dai produttori di calici alle aziende che forniscono prodotti per l’enologia financo a organizzazioni complici e responsabili della devastazione ambientale, del decadimento e del vuoto intorno all’agricoltura, che in queste situazioni, al suon di sponsorizzazioni, si comprano anche un paio di bidoni di tempera verde per rifarsi un po’ la facciata.
Istituzioni e imprese con le loro politiche e produzioni inadeguate e irrilevanti per la vita della stragrande maggioranza delle persone.
Eventi, kermesse, festival supportati dalle multinazionali, dall’agroindustria, dalle fondazioni bancarie, dai consorzi e dalle associazioni che, semplicemente, speculano sul vino e il cibo. Eventi appoggiati e promossi dalla stampa di settore e mainstream con un codazzo di apprendisti enoaddetti in cerca di fama e fortuna.
Appuntamenti del vino e del cibo che non hanno cambiato di una virgola i rapporti di produzione, il rapporto con la natura e le relazioni sociali.
 Manifestazioni svuotate di cultura e coltura, assordanti vuoti pneumatici buoni a dar sfoggio, su tappeti rossi e innanzi a telecamere, alle insane derive politiche di questi tempi.  


In Italia poi e prima, sempre di più, ci sono state, ci sono e ci saranno feste e fiere (feroci), del vino e dei prodotti della terra e del lavoro dell’uomo, dentro e intorno agli spazi occupati e/o autogestiti. Giornate e progetti realizzati grazie all’autorganizzazione e all’autofinanziamento. Senza sponsor e patrocini. Giornate e progetti che hanno cambiato il mondo del vino e dell’agricoltura di questo paese e reinventato culture e colture, saperi e sapori. Dentro e intorno a questi spazi si è data centralità al valore politico del vino, del cibo e dell’agricoltura.
 Dentro e intorno a questi spazi si festeggia la vita e si trovano i migliori vignaioli (i migliori agricoltori) e quelli che lo saranno in futuro. 

In alto i calici!

 da L’Almanacco de La Terra Trema. Vini, cibi, cultura materiale n. 09

********◇**********●***********◇**********●**********◇**********●**********◇********

SABATO 25 MAGGIO

h 15.00 Apertura cancelli e degustazioni

h 16.00 Workshop PANIFICAZIONE BIMBI (3+) a cura di Forno del Mastro 

https://m.facebook.com/fornodelmastro/

h 16.00/20.00 Incursioni teatrali a cura di Teatro Fornace 

https://m.facebook.com/teatro.infornace/

h 17.30 Workshop ERBE OFFICINALI E SPONTANEE. Guida pratica al riconoscimento, alla raccolta e all'uso

A cura di Luciano Tei e Verdebionatura

h 20.00 FLOWDIDGE Concerto Beatbox Didgeridoo by William Goldschmidt 

https://www.youtube.com/user/williamgold92

h 21.30 I BRIGANTI Pizziche, tarantelle, danze e canti sfrenati

********◇**********●***********◇**********●**********◇**********●**********◇********

DOMENICA 26 MAGGIO h 12.30 Pranzo con i produttori (su prenotazione - scrivi alla pagina FB)h 15.00 Apertura cancelli e degustazionih 16.00 Laboratorio artistico per i più piccoli/e (2-6anni): rielaborazione del sentimento della rabbia attraverso il movimento e la pittura.

h 16.00 Workshop di PANIFICAZIONE NATURALE a cura di Forno Del Mastro 

https://m.facebook.com/fornodelmastro/h 17.30 Presentazione de L'ALMANACCO di e con La Terra Trema 

h 19.00 CANTI EBBRI. Spettacolo teatrale di Nudo e Crudo Teatro 

http://www.nudoecrudoteatro.org/

h 21.00 LA MALALECHE Patchanka trio 

https://m.facebook.com/malalecheacoustic/

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)