Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

03102016 apertura

Il manifesto di Ventotene lo avete mai letto? Scoprireste che non è proprio un inno alla democrazia. E poi c’è Padoan e il suo rigoroso metodo scientifico. Per chiudere, gli acuti consigli per gli acquisti del premier.

 

Questa estate, tra un peperone ripieno e l’altro, ho visto un italiano, un francese e una tedesca che sbarcavano su un’isola pontina e ci ricordavano impettiti e compunti la grandezza di Altiero Spinelli con tanto di onore alla tomba del de cuius. Spinelli, chi era costui (ammesso che qualcuno non lo sappia)? Uno dei padri fondatori dell’Europa unita. La biografia, per i pigri del web, la trovate qui

Spinelli, insieme a Ernesto Rossi, è infatti autore del cosiddetto Manifesto di Ventotene (titolo originale “Per un’Europa libera e unita. Progetto d’un Manifesto”), scritto nel confino di Ventotene nel 1941 (di qui l’omaggio dell’italiano, del francese e della tedesca “nel mare blu”, come titolava estatico corriere.it). Il documento, di 14 pagine, è considerato la pietra angolare del progetto di Unione Europea.

Essendo non un pigro ma un super pigro del web e non solo, il Manifesto di Ventotene (nella sua terza e definitiva stesura del 1944 con prefazione di Eugenio Colorni) l’ho letto solo qualche mese fa. Poi l’ho riletto qualche settimana addietro per verificare se avessi visto bene o avuto le traveggole.

Sono rimasto allora sbalordito e ora allibito. Il documento per “un’Europa libera e unita” è una apologia dell’oligarchia, l’unica in grado di sintetizzare le spinte caotiche e improduttive della democrazia e di rompere con la dittatura. Per i padri europei, la democrazia è buona solo come strumento per arrivare ad un governo di élites che, aprioristicamente, fanno il bene di tutti. La democrazia e le sue spinte si cavalcano. Finita la cavalcata, che il popolo torni al suo posto e si affidi a chi ne sa. 

Bella roba! Il Manifesto di Ventotene nella sua versione integrale lo potete leggere qui. Di mio, riporto un passo di pagina 11.

 

03102016 foto1

 

E pensare che tutto lo spataffio parte da una critica al totalitarismo!

 

Siccome la logica pare avere geometria alquanto variabile, eccone un altro che, in tempi moderni, manda affangiro qualche secolo di metodo scientifico per lanciarsi verso la frontiera ombelicale del “permeismo”. Il tipo è attualmente titolare del dicastero dell’Economia, giusto per dire come siamo messi. Il 2 Settembre così si esprimeva di fronte alle misurazioni del PIL fatte dall’Istat:

 

03102016 foto2

 

Padoan, io sposo la tua dottrina e per me sei un cazzone. Vale?

 

Poi c’è quell’altro da Rignano sull’Arno, paese di nemmeno 9mila anime che presto lo vedrà tornare ai natii giardinetti. Il nostro, con quell’aria un po’ così, con quella faccia un po’ così che hanno quelli che non distinguono deretano e reputazione, il 22 Gennaio 2016 si esprimeva su Monte dei Paschi di Siena con fare perentorio:

 

 03102016 foto3

 

Da allora, il titolo ha perso il 75% ma il promotore finanziario abusivo di Rignano è ancora a piede libero. Anzi, cerca nuovi clienti (soprattutto in data 4 Dicembre 2016).   

 

03102016 foto4

 

Gli autori di Vorrei
Ivan Commisso
Author: Ivan Commisso

Vado per i quaranta, mi occupo di soluzioni pubblicitarie online in una grande concessionaria. La mia formazione universitaria è economica. Sono giornalista pubblicista e su Vorrei scrivo per lo più di economia perchè da lì verranno (ulteriori) problemi e su quel tema si dicono un sacco di fesserie. Nota Bene: mi piacciono le metafore, i dolci e la Calabria.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)