Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20131001-alina-ibragimovic-remembers-roslavets-world-premiere-recording-Alina-Ibragimova-Violin-Roslavets-Hyperion-150x150

Teatro. Tutto il programma del teatro monzese: prosa, opera, comico e per le scuole

Riceviamo e pubblichiamo

 “Nel corso degli anni, tra il Teatro Manzoni e la nostra città si è generato un circolo virtuoso di crescita artistica, un significativo percorso che ha rafforzato il ruolo di Monza in ambito teatrale.
Il cartellone 2013/2014 è ricco di appuntamenti, con rappresentazioni di grandi maestri del teatro italiano e generi i più diversi, dal musical ai classici della drammaturgia, dai balletti di danza alle opere liriche. Una programmazione che dimostra apertura verso il pubblico, incontro con le varie forme espressive che sono condizioni imprescindibili del fare cultura. Ancora una volta si deve riconoscere alla direzione artistica la capacità di individuare proposte certamente stimolanti.”
Francesca Dell’Aquila Assessore alle Politiche Culturali e di Sostenibilità Comune di Monza


“Già gli antichi greci, quando inventarono il Teatro, sapevano che il suo fondamento era uno soltanto: il Mito. Così era e così sarebbe stato, per sempre.
Che cos’è il Mito? E’ quel complesso di storie, racconti, fatti, sia reali che immaginari, che formano, per così dire, l’architettura della mente. Il Teatro greco non raccontava storie sconosciute ai suoi spettatori: tutti sapevano chi era Edipo, tutti sapevano cos’erano state le Guerre Persiane.
Il Teatro non raccontava novità, faceva molto di più: aiutava i cittadini greci a riflettere sul Mito, cioè sul fondamento stesso del loro modo di pensare, vivere, operare.
Oggi le cose non sono cambiate. La funzione del Teatro è sempre la stessa. E’ cambiata invece la mitologia, sono cambiati i racconti, i volti, le immagini di cui è tappezzata la mente di tutti noi.
A Dante, a Leonardo, a Michelangelo, al Manzoni si sono aggiunti la televisione, internet e soprattutto il Cinema. Basti pensare a film come Matrix, come Blues Brothers, come I soliti sospetti o Pulp Fiction per renderci conto di chi siano, oggi, i nuovi Ulisse, Edipo, Oreste. Oppure alla quantità di grandi star hollywoodiane impegnate a fondo nel teatro, da Jack Nicholson a John Turturro a Kevin Spacey, che è addirittura Direttore di uno dei più importanti teatri di prosa del mondo. Che il Teatro, per rimanere fedele a sé stesso, si trovi, nel tempo presente, in diversissime forme, a fare i conti con il Cinema, è inevitabile.
Il Teatro Manzoni ha sempre avuto un occhio di riguardo a questo rapporto fondamentale: ricordiamo per esempio il recente, grande successo di Servo di scena. La nuova stagione del Manzoni offre in questo senso alcuni esempi che, grazie anche alla bravura degli interpreti, non mancheranno di divertire e affascinare il nostro già affezionatissimo pubblico, dal capolavoro di Billy Wilder A qualcuno piace caldo ai classicissimi Eva contro Eva e Frankenstein Junior fino al recente, pluripremiato Il discorso del re.
A questi racconti, che appartengono a pieno titolo all’iconografia mitologica moderna, la stagione aggiunge due vette assolute nell’arte della Commedia: due modelli di perfezione con i quali il cinema di tutto il mondo si è sempre misurato: La locandiera di Carlo Goldoni, dove il tragico si cala perfettamente sotto la maschera della pura comicità, e L’importanza di chiamarsi Ernesto, dove il genio inarrivabile di Oscar Wilde dimostra come grazia e profondità di pensiero si possano trovare in abbondanza in uno dei testi più esilaranti che siano mai stati scritti.
Altri due classici della commedia concludono il quadro della nostra stagione: Variazioni Enigmatiche, opera di quel mago della commedia che è Eric Emmanuel Schmitt, e La coscienza di Zeno, classica sceneggiatura di Tullio Kezich tratta dal romanzo di Italo Svevo. Tra i grandi interpreti, alcuni dei quali ben noti al nostro pubblico - segno di un rapporto affettivo tra spettatori e interpreti che si è stabilito nel corso degli anni - ricordiamo Justine Mattera, Luca Barbareschi, Pamela Villoresi, Giampiero Ingrassia, Nancy Brilli, Giuseppe Pambieri, Geppy Glejeses.
Siamo certi che il pubblico del Manzoni accoglierà con favore una stagione improntata, come è nella nostra tradizione, alla ricerca di un giusto equilibrio tra rispetto della classicità e confronto serrato con i temi e le immagini della vita contemporanea.”
Luca Doninelli Direttore Artistico Teatro Manzoni di Monza

 


 

Stagione Teatro di prosa

SUGAR – A QUALCUNO PIACE CALDO

[QUANDO: DA GIOVEDì 14 A DOMENICA 17 NOVEMBRE 2013]

La versione musical del celebre film “A qualcuno piace caldo” del 1959 diretto da Billy Wilder rappresenta uno dei titoli più esilaranti del genere. Justine Mattera, con la sua particolare somiglianza a Marilyn Monroe, nei panni della dolce e ingenua Sugar Kane, Zucchero Candito. Mentre Christian Ginepro e Pietro Pignatelli, veterani del teatro musicale italiano, danno vita rispettivamente a un Jack Lemmon e a un Tony Curtis italiani travolgenti.

 

VARIAZIONI ENIGMATICHE

[QUANDO: DA GIOVEDì 28 NOVEMBRE A DOMENICA 1 DICEMBRE 2013]

Saverio Marconi torna in scena come attore e sceglie Eric-Emmanuel Schmitt e le sue “Variazioni enigmatiche”, già straordinario successo di pubblico e di critica in Europa (in Francia e’ stata interpretata da Alain Delon, in Inghilterra da Donald Sutherland).
È la storia del confronto disperato fra due uomini. L’incontro, tra ferocia e compassione, si trasforma in una sconvolgente scoperta di verità taciute e dell’illusione in cui i due si sono calati.

 

IL DISCORSO DEL RE

[QUANDO: DA GIOVEDì 12 A DOMENICA 15 DICEMBRE 2013]

La commedia è ambientata in una Londra surreale, a cavallo tra gli anni 20 e 30, ed è centrata sulle vicende di Albert, secondogenito balbuziente del Re Giorgio V. Lo spettacolo, con protagonisti Luca Barbareschi e Filippo Dini, parte da fatti storici per addentrarsi in un dramma personale.
Il film, che recentemente è uscito nelle sale, è stato pluripremiato alla notte degli Oscar.

 

EVA CONTRO EVA

[QUANDO: DA GIOVEDì 9 A DOMENICA 12 GENNAIO 2014]

Per la seconda stagione torna in scena “Eva contro Eva” di Mary Orr, titolo cult del ‘cinema sul teatro’. Nel cast dello spettacolo, diretto da Maurizio Panici, l’inedita e intrigante coppia composta da Pamela Villoresi e Romina Mondello, e Luigi Diberti e Massimiliano Franciosa. Il mondo del teatro come rappresentazione del mondo. Classi sociali diverse, che si riflettono, si evitano e si scontrano. Ma soprattutto esseri umani in lotta per una posizione dominante nella società.

 

FRANKENSTEIN JUNIOR

[QUANDO: DA GIOVEDì 16 A DOMENICA 19 GENNAIO 2014]

Il nuovo musical di Mel Brooks: mostruosamente divertente! Un classico della comicità con Giampiero Ingrassia nel ruolo del Dottor Frankenstein. Considerato una delle migliori cento commedie americane di tutti i tempi, girato nel 1975 con uno stile ispirato agli anni ’20 è una parodia del celebre Frankenstein di J. Whale e della creatura di Mary Shelley. La versione italiana, diretta da Saverio Marconi è una trasposizione fedele della realtà cinematografica.

 

LA LOCANDIERA

[QUANDO: DA MERCOLEDì 12 A DOMENICA 16 FEBBRAIO 2014]

“La Locandiera”, capolavoro goldoniano scritto nel 1750, non ha mancato di esercitare nel tempo una certa misteriosa malia incantatrice. Mirandolina è infatti il primo personaggio femminile del teatro occidentale recante i caratteri della modernità. Giuseppe Marini, regista abituato alle sfide e alle riletture critiche dei grandi classici, ha incontrato per il ruolo della protagonista Nancy Brilli, attrice dotata di grande simpatia, ma anche di intelligenza scenica e di abilità da vera “commediante”.

 

LA COSCIENZA DI ZENO

[QUANDO: DA GIOVEDì 27 A DOMENICA 30 MARZO 2014]

La nuova, impegnativa produzione del Teatro Carcano è basata sulla versione che Tullio Kezich elaborò nel 1964 dal romanzo di Italo Svevo. Pubblicata nel 1923, per la capacità di testimoniare il male dell’anima moderna, è un’opera idealmente vicina a quelle di Pirandello, Joyce, Proust. La regia è affidata a uno dei grandi maestri del teatro italiano, Maurizio Scaparro. Interprete principale uno degli attori più poliedrici delle nostre scene, Giuseppe Pambieri.

 

L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO

[QUANDO: DA GIOVEDì 10 A DOMENICA 13 APRILE 2014]

E’ stato lo spettacolo che ha totalizzato il record di pubblico del Teatro Stabile di Calabria. A più di dieci anni da quello strepitoso successo Geppy Gleijeses con Lucia Poli e con l’inserimento di Marianella Bargilli riprendono la più bella commedia di tutti i tempi, l’ultimo lavoro teatrale di Oscar Wilde. L’eterea verbalità di The importance, dove tutti – non solo il cinico di turno – si esprimono mediante paradossi squisiti, si accompagna a un senso visivo di teatralissima efficacia.

 


 

Stagione Teatro d'opera

ALINA IBRAGIMOVA • ACADEMY OF ANCIENT MUSIC

Oltre ad essere stati i fautori di un’autentica rivoluzione all’interno del panorama musicale della propria epoca, Haydn e Mozart furono entrambi dotati di un vivace umorismo. Questo programma, presentato da Alina Ibragimova che torna alla testa dell’Academy of Ancient Music dopo l’acclamato debutto nel 2012, presenta alcune fra le opere più spiccatamente spiritose dei due compositori austriaci. Concerto  presentato nell’ambito del Circuito Lombardo di Musica Antica.

 


 

Stagione comico

VENGO A PRENDERTI STASERA

[QUANDO: SABATO 8 FEBBRAIO 2014 ore 21.00]

Una commedia originale che sa dosare emozioni e risate, diretta da un vero e proprio maestro della comicità, Diego Abatantuono, qui alla sua prima regia teatrale.
La trama racconta l’incontro di un cabarettista, al tramonto di una carriera costellata di insuccessi, con la sua Morte, la Morte dei comici. E per gli spettatori che desiderano “esalare” l’ultima risata, Abatantuono sarà protagonista in scena di speciali tempi supplementari.

 

RESTYLING

[QUANDO: VENERDì 28 FEBBRAIO 2014 ORE 21.00]

Forte della esperienza maturata sui palchi più prestigiosi, Teo Teocoli racchiude in “Restyling” oltre 50 anni di carriera, uno spettacolo che si articola tra cabaret, canzone, cinema, tv e teatro con una serie di personaggi e monologhi che Teo presenterà in teatro con qualche aggiornamento dettato dai tempi cambiati. Le nuove storie di Felice Caccamo, Celentano, Ray Charles e degli altri suoi “cavalli di battaglia”, vengono reinterpretate in una chiave più attuale ed innovativa.

 

A CENA COI CRETINI

[QUANDO: SABATO 15 MARZO 2014 ORE 21.00]

Questa commedia comica teatrale non ha a che fare con il testo di Veber. Racconta invece le folli e comiche avventure dei cugini Pizzeria (proprietari dell’omonimo ristorante, interpretati da Max Cavallari e Giorgio Verduci) e del loro strampalato staff: la cassiera Sonia Bertoldo (Raffaella Fico), il sommelier alcolizzato Jacques L’Abat (Marco Della Noce) e il factotum di cucina Bicio (Daniele Ronchetti).

 

QUELLI DEL CABARET

[QUANDO: GIOVEDì 20 MARZO 2014 ORE 21.00]

Dopo una stagione di grande succeso nei più grandi Teatri italiani torna, per il secondo anno, lo spettacolo che celebra i 50 anni di cabaret di “Cochi e Renato”. La stampa lo ha definito così: “…due ore di spettacolo che sembra scritto non ieri ma oggi, complice anche un riuscito restyling di brani e intermezzi allusivi all’ attualità politica e al gossip nostrano.”

 

50 SFUMATURE DI PINTUS

[QUANDO: VENERDì 9 MAGGIO 2014 ORE 21.00]

Pintus è il comico più rappresentativo del programma televisivo Colorado. Per la prima volta si presenta in teatro con un proprio spettacolo nel quale esprimerà tutto il suo talento di grande intrattenitore, sia comico che musicale. “Care donne, a differenza di quelle di grigio, le sfumature di pintus vi faranno ridere!”


 

Teatro per la scuola

Le foglie della Rosa Bianca

[QUANDO: Giovedì 21 novembre 2013 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 13-18 anni]

Lo spettacolo ripercorre l’evoluzione del movimento di resistenza tedesco della Rosa Bianca attraverso la storia personale dei suoi membri. Il 22 febbraio 1943, fratelli Sophie e Hans Scholl e l’amico Christoph, furono ritenuti colpevoli di alto tradimento per aver distribuito volantini antinazisti. Così, 70 anni fa, i tre giovani studenti appartenenti al gruppo furono decapitati nello stesso giorno della sentenza per aver invitato i connazionali ad una resistenza passiva contro il regime.

 

Buon Natale Babbo Noè

[QUANDO: Lunedì 25 e martedì 26 novembre 2013 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 4-10 anni]

Immaginiamo che a Noè annunciasse la salvezza invece che un ramo di ulivo, un alberello di natale… E immaginiamo che quest’albero sapesse le storie dei suoi simili che ripopoleranno la Terra. Alberi importanti e magici in cui popoli interi hanno trovato rifugio e sostentamento. Uno sguardo sul Natale, ma anche su costumi del mondo intero. Movimento, musica, poesia si fondono in un intreccio divertente che arriva al cuore, confezionato bene, come… un bel regalo di Natale!

 

Operette morali – A teatro con Leopardi

[QUANDO: Mercoledì 4 dicembre 2013 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 14-19 anni]

Gigio Brunello rinnova la perenne freschezza del pensiero leopardiano con un monologo intessuto con immagini semplici evocate via via dal percorso drammaturgico. Ercole e Artlante giocano a palla con il mondo, una scarpa per filosofeggiare, parole ironiche e commoventi, alto lirismo e intima autenticità.

 

The Blues Point

[QUANDO: Giovedì 5 dicembre 2013 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 9-14 anni]

La musica nera è oggi il punto di riferimento, il motore, il termine di paragone della musica giovanile. La missione della band è di raccontare ai ragazzi la sua origine rendendoli più consapevoli di ciò che si ascolta alla radio, in TV, ai concerti o in cuffia. Una lezione divertente con un sound travolgente. In programma: Sweet home Chicago, Johnny B. Good, Satisfaction

 

Il Postino di Babbo Natale

[QUANDO: Martedì 10 dicembre 2013 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 3-10 anni]

Dopo il successo dello spettacolo l’Albero della scorsa stagione Claudio Milani torna con la sua compagnia per un altro racconto natalizio che aggancerà gli sguardi di bambini anche molto piccoli. Narrerà con la sua naturale delicatezza la storia del Postino di Babbo Natale che deve consegnare entro la mezzanotte del 24 dicembre la lettera dei desideri di un bambino. Ce la farà il Postino a consegnare il suo importante carico? Forse no… ma Natale è sempre pieno di sorprese!

 

Destinatario sconosciuto

[QUANDO: Lunedì 27 gennaio 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 12-19 anni]

Martin, tedesco, e Max, ebreo americano, soci e amici fraterni, si separano quando il primo decide di lasciare la California per tornare a vivere in Germania. Siamo nel 1932: comincia tra i due protagonisti una corrispondenza colma di partecipazione affettiva. L’ombra del nazismo, però, si espande sul destino dei due amici…

 

Viaggio ad Auschwitz a/r

[QUANDO: Mercoledì 29 gennaio 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 12-19 anni]

Nel 2011 Gimmi Basilotta ha realizzato il pluripremiato progetto Passodopopasso ripercorrendo a piedi il viaggio di deportazione che nel 1944 portò ventisei ebrei cuneesi ad Auschwitz. L’attore colse l’occasione per ragionare e parlare di Memoria, per e toccare con mano quanto essa sia ora un dovere, non solo per il rispetto della Storia, di chi l’ha vissuta e subita, ma per poter vivere il presente in modo consapevole. Per prepararsi allo spettacolo: www.viaggioadauschwitz.com

 

Piccolo Passo

[QUANDO: Martedì 4 febbraio 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 4-7 anni]

Liberamente ispirato al libro di Simon James, in questo spettacolo si racconta la storia di una famiglia di ocarine. Vedremo in scena uno strumento di cui stupidamente avevamo perso le tracce ma che qui diventa assoluto protagonista di un mondo completamente reinventato anche dalle decorazioni sceniche di Alessia Bussini a misura di bambino dove i piccoli spettatori, dunque, si ritrovano perfettamente a loro agio. Possibilità ManzoniLab.

 

Otello

[QUANDO: Martedì 18 febbraio 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 10-16 anni]

Incoraggiati dal successo di Romeo e Giulietta, vi proponiamo il secondo capitolo del Progetto Grandi Storie, piccoli spettatori. Otello verrà presentato con un linguaggio semplice ed efficace, in un atto unico restituendone il racconto teatrale che è anche la sua forma più antica. Raccontando si condividono emozioni, si offrono spunti di riflessione, ci si confronta con visioni differenti della vita, favorendo così l’avvicinamento dei ragazzi al messaggio shakespeariano. Possibilità ManzoniLab.

 

Il malato immaginario

[QUANDO: Venerdì 21 febbraio 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 11-19 anni]

Molière gioca in questa commedia con le nostre paure e meschinità, con le nostre comode e ingannevoli autoillusioni. Argante s’isola nel suo mondo di false malanni: finché non cederà al “naturale” male di esistere non può diventare un uomo come tutti gli altri, un uomo sano e malato a metà, adulto e infantile a metà. Guido Ferrarini ci porta questo assoluto capolavoro del teatro con una “brillante interpretazione” (Il Piccolo).

 

AMICA LIBERTA’

[QUANDO: Lunedì 24 febbraio 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 5-10 anni]

Pippi Calzelunghe è un personaggio anticonformista che incarna il sogno di libertà di ogni bambino. Ma Pippi è anche un apologo sulla diversità che sconcerta e spaventa gli adulti, barricati nel loro mondo di regole, e allo stesso tempo premia i bambini, che la accolgono con spontaneità, come fonte ineguagliabile di gioco, meraviglia, e profondità di sentimenti.. La nostra Pippi canta, danza, gioca, recita, interagisce con i personaggi animati. La sfida del pubblico è… riuscire a starle dietro.

 

Io me ne frego

[QUANDO: Mercoledì 12 marzo 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 11-16 anni ]

Io me ne frego! è la storia dell’amicizia di due ragazzi che si conoscono fin dall’infanzia. Il rapporto nel tempo diventa oppressione: Biglia si rende conto dei cambiamenti dell’amico, traviato da cattive compagnie, ma non riesce a rompere il legame che li unisce, accettando dunque angherie e vessazioni. Mentre l’amico procede inesorabile verso un tragico abbrutimento che lo porterà a non riconoscere più il confine fra illecito e l’illecito.

 

Cartoline illustrate e cantate

[QUANDO: Lunedì 17 e martedì 18 marzo ore 10.00]

[ETA' CONSIGLIATA: 4-10 anni]

Le Cartoline raccontano storie. Storie di personaggi famosi e meno famosi, di animali e cose, e parole. Storie e filastrocche cantate di un grande narratore, un fantastico e ricco eversore delle parole del loro senso nel divertimento senza perdere il filo rosso tra invenzione e realtà.
Voci recitate e cantate, percussioni e ammennicoli sonori vari.

 

Il miracolo della mula

[QUANDO: Lunedì 24 marzo 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 4-8 anni]

Lo spettacolo di figura narra le avventure strampalate di quattro personaggi di un orologio meccanico creando un godibilissimo divertimento sorretto da un ritmo perfetto sempre incalzante attraverso il quale lo spettatore si dimentica di avere davanti degli esseri inanimati per immergersi completamente in un gioco scenico dove la fantasia regna sovrana.(dalla recensione di M. Bianchi su Eolo)

 

Alice

[QUANDO: Martedì 25 marzo 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 8-13 anni]

Nel nostro adattamento Alice è una ragazzina intelligente e curiosa  che si trova alle prese con il faticoso passaggio dall’infanzia all’adolescenza. Un classico della letteratura inglese in una messa in scena in lingua. Difficile? Niente paura: prima dello spettacolo, in classe, ci si potrà preparare attraverso una giuda con semplici esercizi; durante lo spettacolo, nei passaggi più critici le attrici bilingui soccorreranno le difficoltà di comprensione “captate” in sala. Dispensa didattica.

 

Tre storie di Luna

[QUANDO: Lunedì 7, martedì 8 aprile 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 3-8 anni]

Torna nel foyer l’amatissimo Lando Francini per raccontarci tre storie dolci dove la Luna ascolta i personaggi che chiedono di realizzare i loro desideri. Al termine dello spettacolo tutti i bimbi presenti potranno partecipare al suo laboratorio dedicato ai personaggi protagonisti della prima storia, la rana Giulietta ed il rospo Romeo.

 

Il Re Pescatore

[QUANDO: Mercoledì 9 aprile 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 5-10 anni]

Si riprende quest’anno il progetto delle Favole Filosofiche con una fiaba universale che attinge da varie tradizioni. La storia del Re che attende il suo pesce e il bagnante fa riflettere sul modo di vivere il tempo nella società postmoderna. Forse è tempo di re-imparare ad ascoltare il silenzio, ad aspettare che il tempo maturi, a interrogarci sul senso della nostra corsa che, a volte, oltre a non avere freni, non ha neanche traguardo. Possibilità ManzoniLab. Dispensa didattica.

 

Omero Odissea

[QUANDO: Martedì 15 aprile 2014 ore 9,00 e ore 11,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 10-14 anni]

Questa versione dell’Odissea vuole trascinare con sè chi guarda attraverso la continua trasformazione della scena. Sculture plastiche in movimento, e figure, macchine sceniche sofisticate, giocattoli tradizionali, come il Lego e il Meccano, oggetti d’uso quotidiano, ispirati all’iconografia greca, vengono utilizzati per accompagnare il racconto, narrato da una voce quieta che enfatizza i passaggi emotivi. Possibilità ManzoniLab.

 

The Lion and the Mouse

[QUANDO: Martedì 6, mercoledì 7 maggio 2014 ore 10,00]

[ETA' CONSIGLIATA: 3-7 anni]

Tratto dalla favola classica di Esopo, il testo dello story telling è stato adattato ad un pubblico dei piccoli. Lo spettacolo è in inglese e gioca sulla ripetizione di parole chiave. Essendo recitato da un’attrice biligue, può essere punteggiato da semplici interventi in lingua italiana per stimolare e mantenere viva l’attenzione dei piccoli spettatori che saranno comunque coinvolti attraverso un’interazione guidata dall’attrice. Con laboratorio puppeteering (di figura). Dispensa didattica.

 

Teatro Manzoni

Via Manzoni, 23
20900 MONZA (MB)
Tel. 039.386500
Fax 039.2300966

BOTTEGHINO da Martedì a Sabato

Orari: 10.30-13, 15.00-18.00

CONVENZIONE CON IL PARCHEGGIO PIAZZA TRENTO TRIESTE

IN ESCLUSIVA per gli spettacoli della Stagione di Prosa 2011-2012 in abbonamento e fuori abbonamento
Tariffa forfait: ­ 4,00
Per spettacoli serali: dalle 20.00 alle 01.00
Per spettacoli festivi pomeridiani: dalle 15.00 alle 19.30
Tutti gli spettatori possono usufruire della tariffa agevolata di ­ 4,00. Per il riconoscimento della tariffa convenzionata di ­ 4,00 il biglietto del parcheggio dovrà essere vidimato, prima dello spettacolo, con l’apposito timbratore presente al Teatro Manzoni; il pagamento del biglietto è da effettuarsi, prima del ritiro della vettura, alle casse del Parcheggio Piazza Trento Trieste.
Eventuali periodi eccedenti verranno conteggiati a tariffa ordinaria.
Non verranno riconosciute convenzioni per biglietti parcheggio non vidimati presso il teatro.

ACCESSO PERSONE DIVERSAMENTE ABILI

Da Via Locatelli è possibile accedere direttamente in sala.
L’accesso è consentito, su richiesta in botteghino, per le persone diversamente abili con gravi difficoltà motorie o in carrozzina. La Sala Emanuele Banterle non è accessibile per persone in carrozzina.
Su tutti gli spettacoli applichiamo il biglietto ridotto per le persone diversamente abili.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)