Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20150622 nova

Al pittore il Segantini-Bugatti 2015. Fino al 5 luglio mostre, incontri, workshop. Un turbine di arte fra Villa Vertua e Villa Brivio

Sono in corso a Nova Milanese le mostre del 56° Premio Bugatti-Segantini curate da Giovanni Iovane. Fra Villa Brivio e Villa Vertua si dipanano la personale di Arcangelo (premio alla carriera) e la collettiva curata in collaborazione con Gaetano Fanelli che sotto il titolo “Senza progetto” raccoglie i lavori di Simone Masetto Maghe, Andrea Mineo, Giulio Pace, Gloria Pasotti, Giuliana Storino, Nicola Felice Torcoli. A queste si affiancano Building Bridges Art Exchange a cura di Marisa Caicchiolo (con Jacob Alonso e Roberto Razo, dal Messico, e Petra Eiko dalla Germania). Infine le moleskine di Martadero, Conart a cura di Fernando Garcia Barros e Magda Rossi. Chiuderanno tutte il 5 luglio, poi toccherà a Boix-Boxing-Boixismo (dall’11 luglio al 5 agosto 2015) a cura di Dermis Leon e dedicata al maestro latinoamericano Carlos Boix.

Una vera ondata di arte che, oltre che le due ville, vede invasi anche il giardino con il progetto Kaleidoscope Pavillion (installazione a cura di Parasite 2.0) e la sede del Comune con la raccolta storica. Un calendario fitto di incontri e altre mostre ancora per il cui dettaglio vi consigliamo di leggere qui.

 

 

L’effetto è ubriacante, un turbinio di opere addirittura difficile da scovare fra i diversi piani degli edifici e da distinguere da quelle stabilmente ospiti. Tutto ciò è organizzato e promosso dalla Città di Nova Milanese, dalla Libera Accademia di Pittura “Vittorio Viviani” e dal Bice Bugatti Club. I curatori di questa edizione sono il già citato Giovanni Iovane e Simona Bartolena.

Presidente della Libera Accademia e del Club è quel Luigi Rossi che i nostri lettori dovrebbero ormai conoscere bene. Fondatore di Vidi — la società che ha portato De Chirico al Serrone di Monza e che ancora tante altre sorprese sembra preparare già per il ritorno dalle ferie — a lui si possono ascrivere i rapporti internazionali con Los Angeles e il Sud America e il merito di aver innescato collaborazioni prestigiose come quella con l’Accademia di Brera.

Un assaggio di quello che sta succedendo a Nova lo avete nella photogallery, mentre per conoscere il vincitore del premio alla carriera vi proponiamo la bella intervista curata da Paola Gaviraghi per Diatribe.

 

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)