Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20151111 mediterraneo

Il mare inghiotte qualsiasi cosa e ogni tanto la sputa; quando è allegro gli piacegiocare con gli avanzi: le patelle, le cozze, la pomice che leggera gira, gira, gira a pelo d’acqua e va e torna e sembra che scherzi.

 

 

Lu  mari s’agghiutti tutti cosi,

e ogni tantu li sputa;

quann’è allegru ci piaci

iucari ccu li scorci:

li pateddi, li cozzi,

la pumici ca  lèggia firrìa firrìa firrìa

a pilu d’acqua,

e va e torna e pari ca babbìa.

Quannu veni lu ventu

ca sciuscia senza posa,

certi voti lu mari

s’incazza e s’arribbella,

pari ca s’arrovescia ppi lu nirbusu:

allura, ‘ntra la rrina

jetta li cosi ca ci fanu schifu,

li cosi ca ci stanu ‘ncapu a panza.

Quannu s’accarma, ju li vai a ‘vviju

e l’ arricogghiu: ‘ccussì capisciu

comu va lu munnu.

Capisciu ca lu mari nun ‘nni po’ cchiù:

pari ca s’abbrigogna quann’ attrovu scarpi di picciliddri

sfunnati e senza lazza,

vurzi vacanti tutt’arraccamati,

‘na vistina celesti longa longa,

‘na patenti ‘ntrusciata

nta ‘n saccu trasparenti

 ‘ccu la fotografia

di ‘n picciuttuni niuru,

li denti bianchi bianchi,

l’occhi ca cci ‘rridìinu.

Quann’attruvai ‘na jamma

smanciata di li pisci,

mi ‘nn’iji dintr’a lu mari

e mi misi a ‘bbuciari:

“Pirchì, pirchì, pirchì?!”

La terra nun teni cchiù li vivi,

li jetta a mmari comu la munnizza;

lu mari nun teni cchiù li morti,

nun li voli ammucciari:

nun nni po’ cchiù di fari

sempri l’indifferenti

ca cci passa di supra

la morti di li genti.

Ju rricogghiu li lazza,

buttuna, fazzuletta,

quannu l’attrovu, quarchi documentu:

li sciucu sutta u suli, li sarbu,

’nzi sa mmai, ppi li parenti.

Il mare inghiotte qualsiasi cosa

e ogni tanto la sputa;

quando è allegro gli piace

giocare con gli avanzi:

le patelle, le cozze,

la pomice che leggera gira, gira, gira

a pelo d’acqua

e va e torna e sembra che scherzi.

Quando arriva il vento

che soffia senza posa,

alcune volte il mare

s’arrabbia e si ribella,

sembra che vomiti per il nervoso:

allora in mezzo alla sabbia

getta tutto quello che gli fa schifo,

le cose che non sopporta più.

Quando si calma, io vado a vederle

e le raccolgo: e da quelle capisco

come va il mondo.

Capisco che il mare non ne può più:

pare che si vergogna quando trovo

scarpe da bambino

sfondate e senza stringhe,

borse vuote tutte ricamate,

una veste celeste lunga lunga,

una patente avvolta

in un sacchetto trasparente

con la fotografia

di un giovanottone nero,

coi denti bianchissimi,

e gli occhi ridenti.

Quando trovai una gamba

smangiata dai pesci,

me ne andai in mezzo al mare

e mi misi a gridare:

“Perché, perché.perchè?”

La terra non trattiene più i vivi,

li getta in mare come spazzatura;

il mare non trattiene più i morti,

non vuole più nasconderli:

non ne può più di fare sempre l’indifferente

che non si lascia toccare

dalla morte delle persone.

Io raccolgo le stringhe,

bottoni,  fazzoletti,

quando lo trovo qualche documento:

lo asciugo sotto il sole, lo conservo,

non si sa mai, per i parenti.

   

 


Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)