Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Print Friendly, PDF & Email

20140928-Pasolini-Abel-Ferrara-Europictures-1

Cinema. Ferrara non racconta Pasolini, prova a realizzare Pasolini, restituire Pasolini, dare vita alle sue creature mai nate e insieme alle sue parole e al suo coraggioso viaggio nell'abisso.

Il film di Abel Ferrara è difficile e controverso. Ma a mio parere è un film davvero da vedere.
Sconta una cifra troppo americana nello stile, nella recitazione, nell'immagine dell'Italia. E una lentezza che a volte rende completamente irreali proprio le scene che vorrebbero essere (forse) più veriste. Ma la scelta felice di non raccontare una biografia ma come di far vivere nella loro pienezza le ultime ore di vita di Pasolini e provare a dare forma in particolare alle due opere cui lavorava proprio in quei giorni, la presenza assoluta delle sue parole, rende a mio parere giustizia al titolo.
Pasolini è lì. Con la sua straordinaria capacità di cogliere l'essenza di una società in trasformazione che è diventata la nostra. Una società che insegna a possedere e distruggere. La società di massa e dei consumi che consuma la semplicità della vita precedente, fatta di bisogni materiali, fatiche e sofferenze, ricca di differenze che vengono piano piano livellate dalla grande autostrada linguistica, culturale e consumistica della modernità. Tutti vogliamo le stesse cose perché ci educano a volerle. E questo libera forse alcuni dei nostri istinti più beluini sdoganandoli e giustificandoli, incanalandoli, usandone la forza, per trasformali in motore del consumo, alimentandone la drammatica distruttività e l'intrinseca violenza. Ferrara non racconta Pasolini, prova a realizzare Pasolini, restituire Pasolini, dare vita alle sue creature mai nate e insieme alle sue parole e al suo coraggioso viaggio nell'abisso. Un abisso in cui trovare i coraggio di guardare.

 

Gli autori di Vorrei
Roberto Rampi
Author: Roberto Rampi

Roberto Rampi ha iniziato la sua attività culturale con l'associazione giovanile Fonendoscopio, organizzando per otto anni concerti, eventi e manifestazioni. Ne ha fatto un professione lavorando nel managment musicale, tra gli altri con Roberto Vecchioni e Eugenio Finardi, e nella comunicazione e valorizzazione dei beni culturali. Si è occupato di comunicazione istituzionale e politica. È studioso e appassionato di filosofia ermeneutica. Oggi in commissione cultura alla Camera dei Deputati per il Partito Democratico, è stato prima consigliere comunale, poi vicesindaco e assessore alle politiche culturali, partecipazione e politiche giovanili del Comune di Vimercate. È presidente del Sistema Bibliotecario Vimercatese. Per quattro anni è stato membro della segreteria regionale del PD Lombardo e prima di quella provinciale di Milano, poi di Monza e Brianza.

Qui la scheda personale e l'elenco di tutti gli articoli.

I miei ultimi articoli

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)