Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

DUE MILIONI PER LE SCUOLE

In corso un «piano» di manutenzioni straordinarie. L’Assessore Simone Villa: «Puntiamo a investire più risorse possibili per scuole moderne e sicure»

 Monza, 08 gennaio 2020. Quasi due milioni di euro per le scuole «Puecher», «Zara», «Bachelet» e «Zucchi». Il Comune di Monza prosegue il suo piano di investimenti sulle scuole: «puntiamo a investire più risorse possibili per rinnovare e migliorare il patrimonio dell’edilizia scolastica cittadina», dichiara l’Assessore ai Lavori Pubblici Simone Villa.

Nuovi bagni alla «Puecher», alla «Zara» e allo «Zucchi». È di 450 mila euro l’investimento previsto per il rifacimento dei servizi igienici e la posa di nuovi serramenti della Scuola primaria «Puecher», che fa parte dell’Istituto Comprensivo «Anna Frank». Saranno rifatti i bagni anche della Scuola primaria «Zara», che fa parte dell’Istituto Comprensivo «Koiné». In questo caso è previsto anche il completamento della nuova copertura per un investimento di 500 mila euro. Nuovi servizi igienici in arrivo anche al Liceo «Zucchi». Il progetto, finanziato con 750 mila euro, prevede il rifacimento dei servizi igienici e una nuova distribuzione degli stessi.

Palestra rifatta alla «Bachelet». Sarà completamente rifatta, invece, la pavimentazione della palestra della Scuola primaria «Bachelet» dell’Istituto Comprensivo «Salvo d'Acquisto». Il progetto prevede anche il rifacimento dei servizi igienici e degli spogliatoi della palestra e la posa di nuovi serramenti. 200 mila euro le risorse investite.

 Investire sulla manutenzione per anticipare l’emergenza. «Si tratta di scuole costruite tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Ottanta che oggi ospitano quasi 1.400 studenti. Si tratta di strutture dove gli impianti dei servizi igienici sono quelli originari, spiega l’AssessoreUn patrimonio scolastico che ha bisogno di interventi per essere all’altezza degli standard qualitativi che ci aspettiamo dalle nostre scuole. Stiamo investendo molte risorse per restituire a studenti, famiglie e insegnanti scuole sicure e con spazi adeguati, in grado di incidere anche dal punto di vista ambientale e del risparmio energetico: progetti per anticipare l’emergenza e investire sulla manutenzione, su ciò che serve più che su ciò che appare. Ci auguriamo che anche il Governo possa stanziare nuovi fondi per l’edilizia scolastica».

 Tempi. La Giunta lo scorso 23 dicembre ha approvato, per le quattro scuole, i progetti definitivi. Gli uffici sono ora al lavoro sui progetti esecutivi a cui seguirà il bando di gara e l’affidamento dei lavori. L’obiettivo è aprire i cantieri, d’accordo con i Dirigenti scolastici dei singoli Istituti, durante il periodo estivo.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)