Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Variante PGT Monza, Il Coordinamento di Associazioni e Comitati: “Necessario fermare il consumo di suolo”

Con riferimento ad alcune dichiarazioni rilasciate dall’assessore Sassoli in un articolo di MBNews del 27 Agosto 2019 (Variante Pgt Monza, il Comune ai Comitati cittadini: “Dialogo, ma solo senza veti”) il Coordinamento di Associazioni e Comitati di Monza desidera fare alcune precisazioni.

- È importante ricordare che il Coordinamento ha dialogato con l’attuale Amministrazione Comunale sin dall’inizio del suo mandato, sia all’interno del tavolo tecnico sia attraverso altri canali istituzionali, presentando proposte di urbanistica partecipata e mobilità sostenibile tramite vari documenti (Criticità in alcuni quartieri, Modifiche alle Norme del PGT, Libro Bianco 2.0, Suggerimenti alla Variante PGT).

Il Coordinamento ha sempre e coerentemente ribadito, nei vari documenti redatti e ad ogni tavolo, l’obiettivo prioritario della propria visione urbanistica: fermare il consumo di suolo.

- In merito alla petizione online “Proposte per Monza: sviluppo sostenibile e zero consumo di suolo” (su change.org), il Coordinamento non riscontra alcun “allineamento”, come affermato dall’Assessore Sassoli, con l’operato dell’attuale Amministrazione poiché in realtà si registra che:

nella Variante PGT di Monza (avviata il 20/12/2018) viene mantenuto il consumo di suolo previsto dal piano vigente; nel PTCP (Piano Territoriale Coordinamento Provinciale) di Monza Brianza (in fase di adeguamento) è presente e previsto consumo di suolo anche per Monza; nel PTR (Piano Territoriale Regionale) della Lombardia (la cui integrazione è stata approvata il 19/12/2018) sono indicate delle soglie di riduzione del consumo di suolo alle quali dovranno adeguarsi le Province ed i Comuni. 

- In merito ad alcuni numeri che compaiono nella petizione online si precisa che sono dati ufficiali in quanto:

la superficie urbanizzata al 68,82% (DUSAF 2012) e il patrimonio delle aree dismesse di circa 650.000 mq sono valori recuperati dalla Relazione del Documento di Piano del PGT; il 12% degli alloggi (circa 6980) che risultano non occupati (ISTAT dicembre 2016) è un valore estrapolato dalla Scheda allegata alla delibera di Giunta n.90 del 27/03/2019 avente oggetto “Adesione al bando Urban Innovate Action mediante progetto CO.HESION” relativa alla predisposizione di soluzioni innovative per l’housing sociale. A proposito dei Piani Attuativi, rispetto ai numeri riferiti alla data maggio 2019, c’è da registrare purtroppo un aumento del consumo di suolo, perché da gennaio 2012 a luglio 2019, ne sono stati approvati 29 (di cui 18 su aree libere), gli ultimi due proprio a luglio (PA Via Clementi Via Paganini, PA viale Stucchi).

 - il Coordinamento, a fronte della dannosa e protratta cementificazione di suolo libero da parte dell’AC, ha ritenuto quindi opportuno lanciare una raccolta firme cartacea e online invitando i Monzesi a firmarla e diffonderla. Tra le varie richieste in essa contenute, viene ribadito che:

è necessario un provvedimento di salvaguardia su tutte le aree libere per evitare ulteriore cementificazione di aree verdi ed agricole, sino all’approvazione di una Variante PGT a ZERO CONSUMO di SUOLO; è altresì importante intraprendere interventi sul patrimonio edilizio esistente (recupero aree dismesse, riqualificazione energetica edifici, assegnazione alloggi non occupati).

Tutto ciò per riaffermare che la SALUTE e il BENESSERE dei cittadini monzesi devono essere obiettivi prioritari per un’amministrazione comunale e che vanno perseguiti anche e soprattutto attraverso scelte urbanistiche lungimiranti come la tutela delle aree verdi e agricole rimaste che sono fondamentali a livello ambientale, sociale, produttivo ed in grado di contrastare in modo efficace gli effetti negativi dei cambiamenti climatici (alluvioni, siccità, ondate di calore,).

Il Coordinamento di Associazioni e Comitati di Monza

Aderiscono al Coordinamento: Legambiente Circolo di Monza, CCR Gruppo ambiente e territorio, Comitato Parco di Monza A. Cederna, Comitato Bastacemento, Comitato via Boito-Monteverdi, Comitato via della Blandoria, Comitato Triante, Comitato quartiere S. Albino, Comitato quartiere San Donato, Comitato quartiere San Carlo e San Giuseppe, Comitato Buon Pastore.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)