Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Comunità in Festival:
Diversità umana e piacere di conoscersi
A Giussano tre giorni dedicati all’inclusione:
20, 21 e 22 settembre 2019

Giussano, 4 settembre 2019 – Nato a ottobre, il percorso sta per culminare in un festival di tre giorni: a Giussano è tempo di “Dire, fare, progettare Comunità”, grazie alla rete di organizzazioni e di privati cittadini che si è attivata per ideare una Comunità più inclusiva. Da un percorso di confronto e di riflessione sul tema sono nate idee diverse e originali: negli ultimi mesi un gruppo ristretto di progettazione ha lavorato per renderle concrete e attuabili attraverso un progetto condiviso promosso e sostenuto dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza, dal Comune di Giussano e da tante altre realtà e privati cittadini che hanno desiderato partecipare.

L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto “Viva la filantropia, viva!”, realizzato in partnership tra le Fondazioni di Comunità di Monza e Brianza e del Verbano Cusio Ossola per sperimentare un nuovo modello di approccio e di attivazione della Comunità in differenti territori. Un modello che parte dal basso, dalle idee dei soggetti coinvolti.

“La Fondazione ha voluto sperimentare una logica tutta nuova, in grado di affiancarsi ai bandi di finanziamento: ha voluto partecipare concretamente alla condivisione di idee progettuali dal basso e alla loro realizzazione – ha spiegato il segretario della Fondazione MB Marta Petenzi - La Fondazione ha fortemente desiderato costruire un nuovo progetto insieme all’intera Comunità: l’ha fatto senza proporre una ricetta o regole precostituite. Si è trattato di una modalità di lavoro condivisa che ha previsto fasi di ascolto, di messa in sinergia di competenze e di punti di vista, di confronto e di costruzione comune di iniziative. Per questo non possiamo che ringraziare tutte le realtà e i cittadini che hanno deciso di mettersi in gioco in questi mesi fino ad arrivare alla realizzazione del Festival: siamo sicuri di aver messo, tutti insieme, le basi per qualcosa che possa continuare a crescere nel tempo. Senza dubbio per la Fondazione questa esperienza rappresenta una modalità di lavoro da replicare in nuovi contesti”.

Il Festival. “Diversità umana e piacere di conoscersi” prenderà il via il 20 settembre, venerdì alle 21, con una tavola rotonda dedicata a “Inclusione? Tutto è possibile”, un evento arricchito da testimonianze, letture e musiche. Sabato 21, mattina e pomeriggio, sono previste diverse attività sportive (calcio integrato, attività inclusive, yoga, tai-chi) al parco Nicholas Green e all’oratorio di Paina. Domenica 22, alle 9.30, è in programma l’iniziativa “Teniamoci per mano”: i partecipanti si terranno per mano per “esprimere la condivisione e il sostegno verso quei progetti e quelle persone che in vario modo si rivolgono alle fasce più deboli della cittadinanza”: si cercherà di abbracciare l’intera città. A seguire sarà organizzato un pranzo solidale (appuntamento alle 12.30 al parco Nicholas Green – oppure, in caso di pioggia, all’oratorio di Robbiano) e di, sera, alle 21, è previsto un concerto negli spazi della basilica santi Filippo e Giacomo di Giussano: pronta a esibirsi l’orchestra sinfonica Esagramma di Milano. Il programma comprende però anche eventi permanenti che anticiperanno l’inaugurazione del festival, come mostre fotografiche e artistiche, incontri e momenti formativi: tutti i dettagli nell’allegato.

Ma non ci si ferma qui: con l’intenzione tenere alta l’attenzione sulle tematiche dell’inclusione, è stato organizzato anche un post Festival che prevede, tra gli altri, momenti di Teatro Forum nel mese di novembre.

Il Festival conta sull’adesione e sulla partecipazione di associazione il Mosaico, cooperativa sociale Solaris, Macondo, Proloco Giussano, Aido Giussano, aps olistica Indian Relax, Kokoro La retta via, Gruppo acquisto solidale, Gruppo Alpini Giussano, Banco di Solidarietà Madre Teresa, Centro di Aiuto alla Vita, Centro culturale Gaudì, cooperativa sociale Comin, cooperativa sociale Meta, cooperativa sociale Sociosfera, cooperativa sociale Spazio Giovani, Croce Bianca sezione di Giussano, Fondazione Aliprandi, Ginnastica ritmica Virtus di Giussano, Calcio integrato Paina, La Rete di Emma Onlus, Libera, Team Triangolo Lariano asd.

Il Festival è promosso e sostenuto dalla Fondazione della Comunità di Monza e Brianza onlus e gode del patrocinio del Comune di Giussano. È realizzato con il contributo di Carrefour e di Gelsia Ambiente.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)