Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Più pedali e più il Comune ti premia: Pin Bike, la rivoluzione a pedali che incentiva i ciclisti urbani e aiuta il commercio locale, ha esposto il suo progetto al Comune di Monza in vista del bando “PrIMUS”. La start-up italiana, nata in Puglia nel 2018, è pronta a rivoluzionare la mobilità sostenibile in tutta Italia

La rivoluzione della mobilità sostenibile, targata Pin Bike, continua a generare interesse nelle amministrazioni locali di tutta Italia.  Lunedì 18 marzo è stata la volta del Comune di Monza, che ha ricevuto il team di Pin Bike per parlare del progetto e di come attivarlo nei prossimi mesi. Un incontro interessante e ricco di prospettive importanti per la città brianzola, decisa ad abbracciare un nuovo modello di mobilità.

Il Comune di Monza, visti i fondi già ottenuti per promuovere iniziative di Mobilità sostenibile, si è infatti mostrato fortemente motivato a valutare l’attivazione del progetto. Sul tavolo diverse opzioni di finanziamento, non ultima quella rappresentata dal nuovo bando del Ministero dell’Ambiente denominato “PrIMUS” con scadenza fissata ai primi di giugno. Si tratta di un programma di incentivazione alla mobilità sostenibile che cofinanzierà per il 75% a fondo perduto, in città con oltre 50mila abitanti, progetti per bici e piste ciclabili, sharing mobility, car-pooling e iniziative di mobility management. I comuni potranno partecipare al bando ministeriale e coinvolgere realtà virtuose, proprio come Pin Bike, per incentivare la mobilità sostenibile in città e mettere in moto un vero cambiamento.

"Siamo felici di aver avuto la possibilità di esporre il progetto al Comune di Monza, che si è sempre mostrato sensibile al tema della mobilità sostenibile. Le tematiche collegate al rispetto dell'ambiente stanno diventando, fortunatamente, sempre più importanti agli occhi dell'opinione pubblica. Sempre più spesso leggiamo e sentiamo dei più svariati sconvolgimenti climatici ma non dobbiamo commettere l'errore di abituarci a queste notizie. L'adozione di misure per la salvaguardia ambientale devono diventare di primaria importanza nella gestione delle finanze pubbliche. Bisogna creare ed adottare misure e sistemi che abbiano l'obiettivo di educare i cittadini al rispetto e alla consapevolezza” spiega Nico Capogna, CEO della start-up, che conclude: “Ad oggi la bicicletta, accessibile a chiunque grazie all'elettrico, rimane paradossalmente ancora il mezzo più intelligente per gli spostamenti urbani, perché è sostenibile e migliora il vivere sociale ed urbano. L'automobile, un tempo un oggetto di lusso, non è mai stato un mezzo sostenibile, ed è arrivato il momento di cominciare a rendersene conto".

Pin Bike sta catturando l’attenzione di diversi Comuni, con l’obiettivo e la speranza di attivare il progetto in tutto il Paese. Hanno infatti manifestato interesse per l’innovativo brevetto anche i Comuni di Andria, Bisceglie, Roma, Torino, Fabriano, Messina, Pescara. Tra i vari enti locali, l’idea ha da poco conquistato l’amministrazione barese che ha scelto di adottare il sistema di Pin Bike nell’ambito del progetto MUVT, dando la possibilità a quanti sceglieranno di muoversi in bicicletta, unicamente in città, di ricevere fino a 20 centesimi di rimborso per ogni chilometro percorso.

Al centro del progetto di Pin Bike il brevetto proprietario basato su un device hardware antifrode che permette di certificare gli spostamenti in bicicletta nelle tratte generiche e in quelle casa/scuola e casa/lavoro. Attraverso un kit e un’apposita app, il Comune è in grado di monitorare gli spostamenti dei cittadini e premiarli attraverso dei buoni mobilità spendibili nelle realtà commerciali del territorio di riferimento. Alla Pubblica Amministrazione si offre inoltre un moderno e certificato sistema di monitoraggio per la pianificazione del traffico cittadino. È importante infatti ricordare che Pin Bike educa ad una mobilità sostenibile e consapevole anche tramite il sistema integrato di carpooling comunale, l'auto condivisa tra utenti.

I rimborsi forniti dal comune ai cittadini che pedalano potranno essere spesi esclusivamente nelle attività commerciali della città che aderisce: un metodo che guarda ai principi dell’economia circolare e che incentiva il commercio locale. Un sistema che fatica a prendere piede in Italia ma che in altri paesi europei è già una realtà consolidata. Francia e Belgio da anni si prodigano per questo tipo di incentivi, mentre l’Olanda è pronta ad attivare un rimborso di 19 centesimi a chilometro, riscattabile come detrazione fiscale. Nonostante tutto, segnali di cambiamento non mancano, a dimostrazione che anche l’Italia è pronta a cambiare rotta in tema di mobilità sostenibile, come comprovato dal già citato bando ministeriale “PrIMUS”.

Pin Bike è una start-up pugliese nata nel novembre 2017 con l’obiettivo di incentivare l’utilizzo della bicicletta in ambito urbano e promuovere una mobilità sostenibile. A poco più di un anno dalla sua nascita, Pin Bike si è già aggiudicata diversi premi e riconoscimenti, tra i quali la vittoria di StartCup Puglia 2018, il Premio PA Sostenibile 2018 e il recente premio di Legambiente come buona pratica progettuale d’impresa nella tappa barese del Treno Verde 2019. Si tratta di un’iniziativa di “gamification” (raccolta punti) che coinvolge direttamente l’utente e crea un ponte di iniziative con la realtà di cui fa parte. Il progetto è applicabile ad Amministrazioni comunali, istituti scolastici, enti e realtà aziendali con un elevato numero di lavoratori. Nel sistema Pin Bike non c’è circolazione di denaro diretta. Tutto è pensato in un’ottica di un’economia circolare: i buoni mobilità vengono riscattati dagli utenti tramite dei codici che potranno spendere esclusivamente nei negozi della città. I buoni vengono guadagnati dagli utenti pedalando sulla propria bicicletta. Insomma, più pedali e più il comune ti premia. Pin Bike rappresenta ad oggi l’unico sistema infallibile, personalizzabile e certificante, per il monitoraggio e il rilascio dei buoni mobilità.

Per info e per rimanere aggiornati sul progetto:

https://www.pinbike.it

https://www.facebook.com/PinBike

https://www.instagram.com/pin_bike

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)