Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

VOTO ONLINE PER LA BIBLIOTECA CEDERNA

Il Comune di Monza partecipa al bando «Le reti del cuore», promosso da «RetiPiù» e «BrianzAcque». «Urne» virtuali aperte dal 15 marzo al 5 maggio

Monza, 13 marzo 2019. Una nuova Biblioteca per il quartiere Cederna. Questo l’obiettivo del progetto con cui il Comune di Monza parteciperà a «Le reti del cuore», il bando promosso da «RetiPiù», società di distribuzione del gas del Gruppo «AEB/Gelsia», e «BrianzAcque», gestore unico del ciclo idrico integrato nella Provincia di Monza e della Brianza, per tutelare il patrimonio culturale dei Comuni brianzoli.

La Biblioteca, «cuore» del quartiere. «L’idea è rafforzare il ruolo della Biblioteca come punto di riferimento per il quartiere, spiega l’Assessore ai Lavori Pubblici Simone VillaCon questo progetto vogliamo riportare la struttura al centro della vita sociale di Cederna».

Nel cuore di Cederna. La Biblioteca del quartiere Cederna, all’incrocio tra via Zuccoli e via Brunelleschi, è un edificio costruito nella prima metà degli anni Sessanta nell’ambito dei piani di edilizia popolare dei fondi «G.E.S.C.A.L.»(«Gestione Case per i Lavoratori»). L’edificio è un tipico esempio di architettura sociale del periodo del boom economico e si inserisce all’interno delle iniziative poste in essere al fine di dare risposta alla richiesta abitativa dei lavoratori. L’immobile, che si inserisce nel contesto edilizio residenziale esistente, è composto dall’intersezione di due volumi: il primo è un corpo centrale ottagonale, mentre il secondo è un blocco poligonale trasversale. Entrambi si sviluppano su due piani su due piani, seminterrato e rialzato di 500 mq. complessivi (250 mq. per piano).

Gli interventi. Il progetto prevede tre ambiti di intervento. Il primo è una riorganizzazione degli spazi ripristinando il collegamento originario tra i due piani. Ciò consentirà uno sviluppo più moderno e innovativo dei servizi bibliotecari, con spazi per la consultazione e l’uso delle nuove tecnologie. La seconda area riguarda la riduzione del consumo energetico dell’edificio con la sostituzione degli infissi esistenti con infissi a bassa trasmittanza termica, cioè in grado di ridurre la dispersione. Il terzo ambito di intervento riguarda l’adeguamento normativo degli impianti tecnici (igienico – sanitario e antincendio).

Verso la Biblioteca «duepuntozero». «La biblioteca pubblica – ha dichiarato l’Assessore ai Sistemi Bibliotecari Pier Franco Maffé – negli anni Sessanta e Settanta aveva l’obiettivo di fare cultura soprattutto tra le fasce della popolazione economicamente e socialmente più deboli. Oggi questi luoghi sono cambiati: sono delle “porte” aperte al mondo. Ma per offrire servizi adeguati alle nuove esigenze degli utenti servono spazi flessibili. Con questa filosofia abbiamo deciso di partecipare al bando «Le reti del cuore». E con questa convinzione chiediamo il voto dei cittadini».

«Urne» aperte per due mesi. Saranno i cittadini, monzesi e non, a scegliere, esprimendo il loro voto online sul sito de «Le reti del cuore» (www.leretidelcuore.it) quale opera finanziare. Ci saranno poco meno di due mesi di tempo per votare per la «Riqualificazione e potenziamento della Biblioteca di Cederna a Monza», dal 15 marzo al 5 maggio. Per esprimere il proprio voto online sarà necessario registrarsi con il proprio codice fiscale e utilizzare le credenziali personali monouso che saranno inviate al proprio indirizzo di posta elettronica dal sistema di votazione. Si potrà esprimere una solo preferenza.

Le risorse. Il Comune di Monza si confronterà con gli altri enti con più di 40 mila abitanti e punterà a un finanziamento di 125 mila euro (su un investimento complessivo di 350 mila euro). Il contributo sarà erogato nell’ambito dell’«Art Bonus» promosso dal Ministero dei Beni culturali, cosi come previsto dell’art.1 del D.L. 31.5.2014, n. 83, «Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo».

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)