Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Via Galilei 24: contestati abusi edilizi e cambio d’uso dei locali interrati. imposto il ripristino dei luoghi entro 30 giorni.

Arena: “Stop alla moschea abusiva”

 Monza, 21 gennaio 2019. A seguito dei ripetuti sopralluoghi della Polizia Locale e della conseguente comunicazione di notizia di reato inviata alla Procura della Repubblica già nel corso del 2018, oggi l’Ufficio Controlli Edilizi del Comune ha emesso un’ordinanza che impone al proprietario dell’edificio di via Galilei 24 di “ripristinare lo stato dei luoghi in conformità a quanto regolarmente autorizzato” entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento stesso.

Ciò in riferimento alle irregolarità nell’esecuzione di opere edili interne alla palazzina situata nel quartiere S. Donato - Regina Pacis, in particolare alla costruzione di una scala in ferro che mette in comunicazione due unità immobiliari dell’edificio stesso, adibendo di fatto i locali interrati a luoghi di ritrovo per numerose persone.

Negli scantinati, infatti, è stato riscontrato più volte -  anche grazie alle segnalazioni dei cittadini – lo svolgimento di lezioni di alfabetizzazione araba per minori e attività di culto: impieghi che risultano del tutto incompatibili con la destinazione d’uso dei locali stessi. Al proprietario dell’immobile, pertanto, è stato notificato oggi l’atto, inviato anche alla Procura della Repubblica e alla Provincia MB per i provvedimenti di competenza.

“Su questi abusi la parola d’ordine è ‘tolleranza zero’ – spiega l’Assessore alla Sicurezza Federico Arena - Da parte nostra continueremo a vigilare e agiremo in tutte le sedi perché le regole vengano rispettate e la legalità sia ristabilita, affinchè nessuno pensi di poter fare ciò che vuole nella nostra città. Attraverso questo provvedimento, infatti, vogliamo portare avanti un’azione incisiva per la tranquillità dei cittadini del quartiere”.

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)