Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

testata-rubriche

Print Friendly, PDF & Email

Gentili giornalisti,

tutte le mattine, sabato incluso, a partire dalle 6 (a volte prima), sotto i balconi in via Cagni si fermano i rumorosissimi furgoni della spazzatura, piccoli ma capaci di creare un baccano che nemmeno chi dorme nonostante le proverbiali "cannonate" non può non sentire. La situazione si aggrava certi giorni della settimana quando la raccolta si prolunga e avviene a tappe: tempo di riaddormentarsi (quando ci si riesce) e riecco puntuale il frastuono. E con la bella stagione e il bisogno di tenere aperte le finestre per combattere il caldo la situazione non ha fatto altro che precipitare.

È ormai tempo che si va avanti così, dall’estate 2009, con un periodo “di grazia” questa primavera in cui si erano diversificati gli orari di ritiro, forse in seguito a una raccolta di firme (le allego) che tramite il circolo 4 PD e la circoscrizione, avevo provveduto a far recapitare a chi di dovere. Negli anni precedenti non era mai successo nulla del genere, a testimonianza che il silenzio è possibile.

Sono stati modificati i tempi e i modi della procedura di raccolta. Se prima l’immondizia veniva semplicemente raccolta e trattata in altra sede, ora si è preferito ricorrere a questi mezzi che “schiacciano” la spazzatura per le strade, producendo appunto il baccano che sentiamo. Il diritto al riposo vale però per tutti e c’è da chiedersi perché tali operazioni non possano essere eseguite come si è fatto negli scorsi anni, in altri orari e senza disturbo alcuno. L’area non è MAI trafficata, e vi è spazio di manovra sufficiente per i mezzi anche quando circolano le automobili. Basta passare per la via alle 8 per verificarlo.

Esistono, d’altra parte, leggi (D.P.C.M. 14/11/97) per cui non è possibile incrementare la rumorosità all’interno dei luoghi abitativi di più di 5 decibel durante il periodo diurno (dalle ore 06.00 alle ore 22.00) e di 3 decibel nel periodo notturno.

È evidente come questi limiti siano ora ampiamente superati e, nonostante le eccezioni di legge, tutti abbiamo diritto al riposo. Ne va anche della salute. Dei mezzi “silenziosi” promessi dal Comune, inoltre, pochissime tracce e, quando apparsi, certo non così… taciturni. Tra l'altro i primi a passare alle 6 sono sempre quelli più piccoli e rumorosi.

Su Internet, all’indirizzo http://rumoredinotte.blogspot.com è possibile trovare i videoclip che testimoniano il rumore. Sono stati ripresi lo scorso inverno, ma sono ancora - purtroppo- attuali.

Ho scritto:

 

-allo Sportello del Cittadino sportelloalcittadino@comune.monza.mi.it Tel. 039.237255 -257

-all'Ufficio Rifiuti/Ecosportello rifiuti@comune.monza.mi.it Tel. 039.2372126 - 039.2372118

-all'Assessore all'Ambiente assessore.ambiente@comune.monza.it

-all’Impresa Sangalli info@impresasangalli.it

Tuttavia, dopo numerose email, speravo di avere da qualcuno di questi un riscontro per un problema a mio parere risolvibile. Ma la risposta – del solo Ecosportello - è sempre la stessa, nonostante si sottolinei che le lamentele non vengano certo solo da me.

Abbiamo interessato, tramite il nostro Ufficio Rifiuti\Ecosportello
l'azienda concessionaria del servizio di igiene urbana della città di Monza
per la sua e altre lamentele di qs genere.
Purtroppo spesso esigenze contrapposte, quali la necessità di pulire in modo
accurato e il fastidio per il rumore causato dai macchinari, si presentano,
senza possibilità di risoluzione contemporanea.
Gli orari della pulizia sono prestabiliti secondo un preciso calendario per
tutto il territorio e al momento è difficile una modifica di questi tempi .
In ogni modo, come detto sopra,  le segnalazioni sono state girate alla
stessa azienda concessionaria per una opportuna valutazione a lungo termine.


Tutti lavoriamo e abbiamo diritto di non essere svegliati in questo modo di notte o all'alba, in maniera sistematica. Per 10 anni il servizio non è stato forse altrettanto "accurato" nonostante si svolgesse in altri orari e con altre modalità? E dove sono i mezzi “silenziosi”?

 

Per quanto riguardo la rumorosità dei camion Sangalli, come miglioramento

del servizio saranno acquistati dei camion con sistema di

insonorizzazione per il contenimento della rumorosità in fase operativa.

Gli operatori sono stati avvisati di fare più attenzione in merito.

 

 

Il Comune una volta appaltato il servizio a Sangalli non ha più potere decisionale?

E soprattutto, quali sono le difficoltà nella risoluzione del problema, visto che quest’ultimo non è stato tale per i precedenti anni e nel periodo primaverile pareva (almeno in parte) risolto?

 

Allego firme raccolte nel Condominio Mirabello di Via Cagni 6 in risposta a petizione per la tutela del riposo notturno.

 

Grazie dell'attenzione

Cordiali saluti

Andrea Rota Nodari