Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Promozione e sviluppo dei servizi bibliotecari nella casa circondariale di Monza

Siglata la convenzione quinquennale

Monza, 23 novembre 2018. E’ stata siglata oggi, presso la casa circondariale di via Sanquirico, la convenzione quinquennale con il Comune di Monza per dare continuità al progetto di promozione della lettura e del reinserimento sociale avviato una decina di anni fa.

L’accordo siglato oggi, alla presenza dell’Assessore Pierfranco Maffè e del Direttore della Casa Circondariale di Monza Maria Pitaniello, conferma la collaborazione in corso per garantire continuità e risorse ad un servizio che costituisce una opportunità preziosa di accesso ampio e qualificato alla conoscenza, all’informazione e alla cultura.

Il testo sottoscritto, in particolare, garantisce la condivisione delle competenze necessarie ad organizzare e gestire il servizio bibliotecario carcerario, anche attraverso la formazione professionale di alcuni detenuti per lo svolgimento delle attività di catalogazione del patrimonio librario delle biblioteche dell’istituto.

Previste inoltre iniziative culturali, momenti formativi e reali possibilità per alcuni detenuti di svolgere attività presso le biblioteche cittadine.

Garantita inoltre l’organizzazione e la gestione del prestito interbibliotecario, grazie alla rete territoriale di BRIANZABiblioteche che sarà affiancata dall’Associazione monzese La biblioteca è una bella storia che già collabora con il Sistema Bibliotecario Urbano in diverse iniziative.  

L’Assessore Maffè ha voluto ricordare alcuni dati significativi che confermano il valore ormai consolidato della biblioteca presso la casa circondariale che in pochi anni conta un patrimonio di 10.000 titoli e 2000 prestiti annuali.

“Penso che la lettura, particolarmente in questo luogo assuma un significato profondo, quale strumento privilegiato di crescita, di apprendimento e di promozione personale anche ai fini di un reinserimento sociale che resta l’obiettivo primario di tutti i soggetti istituzionali coinvolti”, ha osservato l’Assessore.