Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Varedo - Per il quarto anno consecutivo torna ‘Alberi per il Futuro’ l’iniziativa di piantumazione partecipata di alberi promossa dal 2015 dal Gruppo parlamentare del Movimento 5 Stelle in collaborazione con l’associazione Gianroberto Casaleggio, altri comitati cittadini, associazioni locali e amministrazioni comunali di ogni colore politico. L’iniziativa che si svolge nel week end più prossimo alla Giornata Nazionale degli Alberi, quest’anno avrà luogo per la prima volta a Varedo domenica 18 novembre o la domenica successiva in caso di maltempo.

Quest’anno nel Comune di Varedo un gruppo di cittadini volontari metteranno a dimora 100 alberi.  

L’iniziativa è trasversale e si svolge senza bandiere o simboli politici perché gli alberi come l’aria sono di tutti. In tutta Italia ad oggi sono 96 i Comuni che hanno aderito all’iniziativa ‘Alberi per il futuro 2018’. Dal 2015 ad oggi sono già stati messi a dimora 27.000 alberi e arbusti in 74 città italiane.

L'evento è stato organizzato sul territorio varedese dal Comitato La Varedo Che Vorrei, in collaborazione col Comune di Varedo: l'Assessore all’Urbanistica e Ambiente F. Figini si sono dimostrati entusiasti fin da subito di mettere in moto la macchina amministrativa comunale a supporto dell'iniziativa. Le piantine sono state richieste a Ersaf a titolo gratuito dal Comune di Varedo e da Avis sezione varedese. Altro sponsor che ringraziamo per il contributo per l'acquisto dei materiali per la piantumazione è Gianmarco Corbetta, parlamentare 5 stelle. Ma la differenza la faranno i cittadini che si cimenteranno nella piantumazione e adotteranno un piccolo alberello, perché parliamo di adozione? Perché nel corso dell'anno, specie durante la stagione estiva, ciascuno dovrà premurarsi di innaffiare l'alberello adottato. Commenta il Presidente del Comitato La Varedo Che Vorrei, Sergio Mariani: "Ormai siamo in dirittura d'arrivo, da oggi parte il conto alla rovescia, è stato bello toccare con mano che significa fare rete tra volontari, associazioni, contributo comunale e scuole per raggiungere questo primo traguardo di 100 nuovi alberelli nel Comune di Varedo, speriamo che sia solo il primo passo per consolidare questa iniziativa per gli anni a venire".

VANTAGGI – Mettere a dimora alberi e arbusti in aree urbane creando future fasce boscate è una delle opere di mitigazione ambientale necessarie per combattere i cambiamenti climatici. Ogni albero, una volta diventato adulto produce ossigeno per quasi tre esseri umani. 

Gli alberi modificano positivamente l’ambiente in cui viviamo moderando il clima, migliorando la qualità dell’aria, riducendo il deflusso delle acque piovane e ospitando la fauna selvatica.

AREE PIANTUMAZIONE: L'area di piantumazione è una fascia di terreno agricolo facente parte del Parco del Grugnotorno la cui previsione urbanistica da PGT prevede la trasformazione in bosco.

RITROVO: Il Ritrovo per quest’anno è domenica 18 novembre alle ore 10 presso l'area mercatale.

Se possibile si raccomanda di portare paletta, vanga, guanti e stivali, trattandosi di un terreno brullo. In caso di maltempo l’iniziativa verrà rinviata alla domenica successiva.

Per adesioni alla giornata inviate una E-mail a lavaredochevorrei@gmail.com 

I Cittadini de "La Varedo Che Vorrei"