Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email

Vertenza Candy, al MISE da Fumagalli (AD Candy) risposte evasive sul futuro industriale dello stabilimento di Brugherio

Si è tenuto questa mattina, presso il Ministero dello sviluppo economico, l’incontro per discutere sulle prospettive della Candy di Brugherio a seguito della cessione al gruppo cinese Haier. All’incontro, a rappresentare l’azienda, c’era Beppe Fumagalli attuale Amministratore delegato della Candy.

L’incontro non ha soddisfatto le attese dei sindacati e della Rsu.

“Le risposte date da Fumagalli ci lasciano perplessi - afferma Pietro Occhiuto, Segretario Generale della Fiom Cgil Brianza - abbiamo chiesto l’incontro per avere garanzie sul fatto che lo stabilimento di Brugherio possa continuare ad essere un sito produttivo ma l’Amministratore delegato è stato generico ed evasivo.”

“Noi pretendiamo - prosegue Occhiuto - che Fumagalli ci dica cosa si vuole fare del sito di Brugherio, non può pensare di non avere responsabilità sul futuro della Candy e sulle sue prospettive occupazionali. Non ci basta sentir dire che Candy entra a far parte di uno dei più grossi gruppi mondiali del settore”.

La Fiom Cgil insieme alla Fim Cisl ed alla Rsu ha chiesto, sostenuti in questo anche dal rappresentante del Governo, che si fissi a breve un altro incontro dove si dettaglino i termini industriali dell’operazione di cessione.

“Abbiamo apprezzato la posizione tenuta dal Governo - sostiene Paolo Mancini coordinatore della Rsu - che ha spinto per tornare a fissare un nuovo incontro dove si inizi a parlare di piano industriale. Tutti i giorni in fabbrica noi delegati sindacali dobbiamo fare i conti con le forti preoccupazioni degli operai. A loro vanno date certezze”.

Gli fanno eco gli altri componenti della Rsu, Antonio Salupo e Raimondo Riggio, che affermano: “Noi vogliamo che a Brugherio si continui a produrre elettrodomestici, vogliamo che si salvaguardi l’occupazione ed è per questo che nei giorni scorsi abbiamo sottoscritto difficili accordi con l’azienda che devono essere dalla stessa rispettati”.

Monza 17 ottobre 2018

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)