Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Per proseguire devi accettare la nostra policy cliccando su “Sì, accetto”.

Vorrei | Rivista non profit


Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

PARCO TROTTI: REGIONE LOMBARDIA FINANZIA IL PARCO GIOCHI INCLUSIVO

Due le strutture che saranno affiancate a quelle già presenti all’interno dell’area verde. Poco meno di 25.000 euro è la cifra che Regione Lombardia verserà alle casse comunali sottoforma di contributo a fondo perduto per il parco giochi inclusivo di Parco Trotti. Il progetto, realizzato dall’ufficio tecnico comunale, ha avuto il via libera da Palazzo Lombardia nell’ambito di del bando dedicato alla realizzazione dei parchi giochi inclusivi regionali. Tra tutti gli enti che hanno partecipato Vimercate si è classificato 46 esimo su 83 progetti. Con un investimento totale è 24.960 euro il progetto prevede di affiancare al gioco complesso già presente una giostra inclusiva e un trampolino inclusivo. I lavori partiranno nei prossimi giorni e termineranno entro la fine di dicembre. A Vimercate sono già stati realizzati negli anni precedenti delle aree gioco inclusive al Parco di Villa Sottocasa, dove un gioco complesso (denominato “La Nave”) ha uno spazio apposito inclusivo e al Parco Gussi, dove tra i vari giochi è posizionata un’altalena inclusiva a cesto. Dichiara l’assessore alle Politiche Sociali Simona Ghedini: “Non c'è nulla di più paritario del gioco per i bambini. Continuare nel segno dell'inclusività e del rinnovamento dei giochi nei nostri parchi non può che essere motivo di vanto e apprezzamento da parte di chi i giardini li frequenta e li vive. Le barriere nel gioco si annullano. Questa nuova attrezzatura andrà a potenziare il valore del gioco e dello stare insieme senza confini”.

Vimercate, 29 ottobre 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

Vento e Maltempo: chiusi oggi il Parco e i cimiteri cittadini

 Monza, 29 ottobre 2018. Con due ordinanze contingibili e urgenti il Sindaco Dario Allevi ha disposto la chiusura totale del Parco di Monza e dei due cimiteri cittadini per l’intera giornata di oggi. La decisione è stata presa a fronte delle condizioni meteo e delle previsioni che impongono la massima attenzione per il pericolo di caduta di rami e alberi. Anche su Monza, infatti, sono attese precipitazioni e rovesci diffusi per tutto il giorno, con raffiche di vento fino a 70 km/h e accumuli di pioggia anche di 50 mm in 24 ore. Un possibile miglioramento è previsto solo per la prossima notte. I tecnici della Protezione Civile stanno monitorando i livelli del fiume Lambro nel tratto cittadino e al momento non sono segnalate criticità.

 

Print Friendly, PDF & Email

Al via il recupero di Porta Monza: restauro dell’infopoint e ripristino dell’idoneità statica Monza.

Il Consorzio Villa Reale e Parco di Monza ha avviato le procedure per il restauro conservativo dell’edificio denominato Porta Monza nel Parco di Monza. I lavori sono finanziati attraverso i fondi stanziati con l’Accordo di Programma per la valorizzazione del complesso monumentale Villa Reale e Parco di Monza, siglato all’inizio dell’anno dagli Enti proprietari. La storia. L’edificio è stato costruito tra il 1805 e il 1825 per ospitare l’appartamento del custode del portale d’accesso al Parco dalla città di Monza. La Portineria si affaccia sull’ingresso carrabile in corrispondenza di Viale Cavriga. All’Archivio di Stato di Lugano si conservano alcuni disegni di Luigi Canonica, nominato architetto nazionale e subentrato al Piermarini nella progettazione complessiva del Parco e delle opere ad esso complementari, che riguardano la Porta di Monza. Benché molte idee fossero state presentate dal Canonica prima del 1805, il suo operato all’interno dei Giardini Reali si attivò solamente a seguito della costituzione ufficiale del Parco di Monza, avvenuta l’8 settembre 1805 per ordine del viceré del Regno d’Italia Eugène de Beauharnais. Quest’ultimo fece riprendere i lavori con il dichiarato scopo di realizzare una “tenuta modello” e un luogo ideale di intrattenimento e di caccia per gli esponenti di governo. A Luigi Canonica spettò anche il compito di realizzare il lungo muro perimetrale che racchiude il Parco, risultato della lunghezza di oltre 14 chilometri. Il muro di cinta del Parco, voluto per definire i confini di una vasta area ad uso esclusivo dei governanti francesi, segnalava un orientamento perseguito nelle grandi capitali europee. Le soluzioni proposte sono differenti: un grande arco ad inquadrare l’ingresso principale, a cui si affiancano due accessi minori; oppure in alternativa l’idea di un semplice cancello delimitato lateralmente da pilastri lavorati in pietra. Nella realizzazione, a partire dal 1805, queste proposte non vennero considerate. L’ingresso è delimitato da due pilastri semplici, senza elementi decorativi. L’edificio, adibito a casello, realizzato anch’esso a partire dal 1805, era originariamente costituito da una struttura a due piani con planimetria a T. Successivamente, nel 1938, venne aggiunto un corpo di fabbrica più basso, adibito in parte a residenza ed in parte a deposito. Quest’ultimo è stato trasformato nel corso degli anni, recuperando parte della superficie ad uso abitativo. L’edificio è stato oggetto di interventi di manutenzione straordinaria nel 1997, tra cui la ricorsa del manto di copertura e parziale lattoneria, la sostituzione dei vetri ed il rifacimento degli intonaci di facciata. L’ammaloramento. A seguito degli eventi alluvionali del 16-11-2014, duranti i quali sia il vespaio che la porzione di interrato si sono completamente allagati, l’edificio ha subito dei cedimenti strutturali tali da rendere l’edificio inagibile. All’interno dell’Accordo di Programma siglato nel mese di gennaio è prevista la realizzazione di infopoint presso gli ingressi principali del polmone verde. 

Il Restauro Conservativo. L’intervento è principalmente finalizzato al ripristino dell’idoneità statica dell’edificio oltreché al rifacimento e rifinitura del manufatto nelle facciate esterne ed interne della copertura con ripristino delle colorazioni originarie. Saranno avviate delle operazioni di contenimento dell’umidità di risalita. Il costo dell’intervento di restauro conservativo è pari a 149.000 euro. I lavori, per i quali è stato pubblicato lunedì il bando di gara, saranno ultimati entro 180 giorni dall’avvio della cantierizzazione. “Finalmente passano dalla carta al cantiere i lavori di ripristino dell’Infopoint all’ingresso del Parco – spiega Dario Allevi, Sindaco di Monza e Presidente del Consorzio Villa Reale – Una postazione strategica per garantire uno spazio adeguato di informazioni e accoglienza turistica per i numerosi ed eterogenei visitatori del nostro Parco”. “Un altro manufatto conosce una nuova vita attraverso il recupero. Tornerà ad essere punto di riferimento per l’accoglienza del pubblico. L’intervento va a inserirsi nell’ambito delle azioni di valorizzazione dei beni del complesso monumentale della Reggia di Monza attuate dagli enti proprietari. Si parte da Porta Monza per realizzare una rete di infopoint collocati agli ingressi principali del Parco.” dichiara Piero Addis il Direttore generale del Consorzio Villa Reale Parco di Monza.

 

Print Friendly, PDF & Email

Milano-Meda. Progetto negato a M5S Lombardia:  “approssimazione totale in Lombardia, andrò dal Difensore regionale”.

Negata al M5S Lombardia la trasmissione dei progetti della Milano-Meda richiesta, con un accesso agli atti ufficiale, del Consigliere regionale Marco Fumagalli. Al M5S è stata consentita la sola consultazione della documentazione. “E’ un grave sgarbo istituzionale”, spiega Fumagalli, “soprattutto alla luce delle reazioni scomposte di Monti alle nostre sollecitazioni sull’infrastruttura. Evidentemente gestiscono la Lombardia come un bene di loro proprietà senza nessun rispetto per le facoltà di accesso agli atti e controllo istituzionale che mi competono”. “Non mi resta che ricorrere al difensore regionale della Lombardia per ottenere una copia del progetto di riqualificazione della Milano–Meda. Con ulteriori aggravi di spese per i cittadini. Al momento questa maggioranza regionale non ha meriti e perde tempo a ideare opere irrealizzabili e  a opporsi a qualunque tentativo di fare chiarezza nell’interesse dei cittadini. È forse venuto il momento di prendere atto della totale inutilità di certe opere e di pensare ad una mobilità maggiormente sostenibile, fatta di metropolitane che si prolungano in provincia per accorciare le distanze. Probabilmente purtroppo si guadagna di più a fare autostrade inutili che metropolitane utili”, conclude Fumagalli.

 

Print Friendly, PDF & Email

«Il Sapere non ha età», ultimi posti disponibili per l’annualità 2018-2019

Ultimi posti disponibili per l’annualità 2018-2018 de «Il Sapere non ha età», ampio ventaglio di proposte formative per tutti i cittadini di Lissone.

Giunta all’11esima edizione ed organizzato dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo I di Lissone, il CPIA - Centro Provinciale Istruzione Adulti di Monza e Brianza e con le Associazioni del territorio, la proposta interessa quest’anno argomenti inediti per i quali sono ancora disponibili alcuni posti.

L’Associazione LIVE propone ben due corsi legati agli ambiti dell’animazione teatrale e dello spettacolo:

  • • “Animatori del tempo libero” è un corso che mira a fornire elementi pratici e teorici sulla conduzione di gruppi di bambini e adolescenti tramite esercizi di gioco e mimica teatrale;
  • • “Il tecnico luci, audio video e palcoscenico” è invece incentrato sull’apprendimento teorico e pratico dei fondamenti sull’allestimento e la gestione di attrezzature audio, video e di illuminazione scenica.

L’Associazione Binario440 propone invece il corso “Inglese in Musica” che tramite la selezione e traduzione, da parte dei partecipanti, di testi di canzoni famose dà la possibilità di apprendere la lingua inglese.

È nuovo anche il corso proposto dall’Associazione MeC - Musica e Canto: “Storia delle donne” si propone di narrare la vita, spesso ingiustamente trascurata dagli storici, della donna lungo tutta la storia dell’umanità, per ricostruire un mosaico di insieme che tocca le discriminazioni, le difficoltà e i ricorsi storici legati alla condizione della donna al fine di acquisire consapevolezza sulla situazione odierna.  

L’offerta formativa include inoltre un corso di disegno e tecniche artistiche base ed avanzato, un corso di pupazzeria e tecniche creative ed un corso amatoriale di Shiatsu; inoltre è previsto un corso di storia “Il secolo Breve”, per i quali vi sono ancora posti disponibili.    

I corsi organizzati in collaborazione con le Associazioni di riferimento saranno attivati al raggiungimento della quota minima di 12 iscritti. In caso di domande eccedenti i posti disponibili, verrà data precedenza ai residenti sul territorio comunale.

Per iscrizioni e informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio Istruzione - piano terzo, via Gramsci 21, nei seguenti giorni ed orari:

martedì, giovedì e venerdì: 8,30/13,30

lunedì – mercoledì: 8,30-13,30 / 14,30-18,00

Tel. 039-7397.333 - e-mail: istruzione@comune.lissone.mb.it

Gli incontri si svolgeranno presso la Scuola Media Croce, via Mariani n. 1, Lissone, salvo diversamente indicato.

Lissone, 25 Ottobre 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

Conferito al Monza Marathon Team il “Trofeo Monza Corre 2018”

riconoscimenti anche agli atleti più veloci e alla società più numerosa

Monza, 24 ottobre 2018. Il Sindaco Dario Allevi e l’Assessore allo Sport Andrea Arbizzoni - alla presenza di Luigi Viganò, rappresentante di FIDAL Lombardia- hanno conferito oggi il Trofeo Monza Corre, giunto alla 5° edizione: vincitore assoluto è risultato il Monza Marathon Team, l’associazione sportiva dilettantistica che ha totalizzato complessivamente 915 punti. Ha ritirato il premio il Presidente Andrea Galbiati.

Il regolamento. Il Trofeo "Monza Corre" viene assegnato annualmente alla società sportiva i cui atleti hanno partecipato, in una singola stagione, alle seguenti 4 manifestazioni podistiche che si disputano tra maggio e settembre:

  • ·10K - gara individuale di km. 10
  • ·Monza-Montevecchia – gara a coppie di km. 32,5
  • ·Monza-Resegone – gara a terne di km. 42
  • ·Mezza di Monza – gara individuale di km. 21,097

Come da regolamento, nel mese di aprile dell'anno successivo lo stesso premio viene rimesso in palio.  Oltre al Trofeo, alla società vincitrice vengono consegnati 30 scudetti applicabili alle maglie sociali, con la riproduzione del logo “Monza Corre". 

 

Print Friendly, PDF & Email

La Brianza e la Lombardia in scena su Rai3 col Cammino di Sant'Agostino, nella trasmissione Geo & Geo

Le bellezze paesaggistiche, storico-religiose e ambientali della Brianza e della Lombardia sono andate in scena oggi in Rai a Roma, ove è stata registrata un’intensa puntata dedicata al Cammino lombardo di Sant’Agostino nella trasmissione Geo & Geo, guidata dalla nota conduttrice Sveva Sagramola e dal fotografo naturalista Emanuele Biggi. A illustrare il Cammino, le sue caratteristiche nonché la figura di S. Agostino sono intervenuti il Prof. Luigi Beretta dell’Associazione Storico-Culturale Sant’Agostino di Cassago Brianza e Renato Ornaghi, dell’Associazione Cammino di Sant’Agostino di Monticello Brianza.

La trasmissione non ha mancato di mettere in rilievo altri aspetti peculiari di questo Cammino lombardo, quali la sua componente socio-psicologica grazie alla testimonianza del pellegrino di Nova Milanese Francesco Pasquali, e delle caratteristiche sia geo-morfologiche che “leonardesche” del territorio attraversato dai 620 km del percorso da Monza a Pavia, ben descritte dalla cassaghese Mariangela Riva, ONC (operatore naturalistico culturale) del Club Alpino Italiano.

A completare la rappresentazione del territorio non poteva ovviamente mancare la cucina locale illustrata dalla Chef Giovanna Passeri, titolare dell’omonimo agriturismo di Monticello Brianza. Giovanna Passeri si è cimentata nella realizzazione del piatto forse più classico della cucina locale: la cassoeula con polenta. Non ha però tralasciato di testimoniare la crescente vocazione enogastronomica del territorio, assai vivace grazie alla nascita di aziende agricole ed alimentari nella filiera casearia, del vino, degli insaccati (su tutti, il celebre salame Brianza) nonché di altri vecchi e nuovi cultivar locali: quello tradizionale delle erbe aromatiche ma anche i più innovativi, come ad esempio quello della spezia forse più preziosa al mondo: lo zafferano. 
Come dessert, ha infine fatto da suggello al Cammino agostiniano la cosiddetta Torta della Felicità. Questa torta è stata realizzata dal pasticcere cassaghese Fausto Colzani sulla base di ingredienti illustrati da Agostino medesimo in una sua opera: il De Vita Beata, scritta durante la sua permanenza a Rus Cassiciacum dall’autunno del 386 alla primavera del 387.

La trasmissione di Geo & Geo, integrata da un’uscita “sul campo” da parte di una troupe Rai lungo il fiume Adda, andrà in onda su Rai3 nel pomeriggio del prossimo Venerdì 2 novembre alle ore 17:00.

Associazione Cammino di Sant’Agostino

www.camminodiagostino.it
i
nfo@camminodiagostino.it 

 

Print Friendly, PDF & Email

M5S Lombardia. Riforma Sanità. No a Ospedale di Desio con Vimercate.

“Con la revisione della riforma della Sanità Lombarda stanno addirittura peggiorando la riforma di Maroni; le novità introdotte porteranno meno controlli e più privato. Sono passi indietro inaccettabili ed è un peccato che la Maggioranza abbia bocciato tutte le nostre proposte emendative che avrebbero migliorato nettamente l’impianto generale delle proposte di modifica della Legge sulla sanità. Anche le proposte più conciliative non sono state accettate. Evidentemente si vuole avere mano libera nella gestione delle immense risorse della sanità lombarda”, così Marco Fumagalli, consigliere regionale del M5S Lombardia. La Maggioranza ha bocciato anche l’emendamento del Movimento che chiedeva di ripristinare l’assetto esistente prima della riforma sanitaria, sancita con la L.23/2015, che prevedeva che l’Ospedale di Desio fosse unito all’Ospedale di Vimercate in un’unica Azienda Ospedaliera. “Quello che accade poi in relazione alla Brianza è emblematico della situazione, con una correzione, quella dell’Ospedale di Desio con Vimercate che risponde a una esigenza emersa sul territorio”, aggiunge Fumagalli. “Si sta facendo di tutto per distruggere la sanità pubblica con liste di attesa lunghissime e con ripartizioni territoriali dannose per i cittadini. Con la riforma della cronicità è poi chiaro il disegno di commercializzazione della nostra salute. Le nostre patologie finiscono nel supermarket della sanità privata. La responsabilità di tutto questo è di Lega e Forza Italia che si pongono in assoluta continuità con il modello di sanità formigoniano. Ci opporremo con tutte le nostre forze a questa impostazione”.


 

Print Friendly, PDF & Email

“ANGELA MONDELLINI ELETTA SEGRETARIO GENERALE.

PRIMA DONNA ALLA GUIDA DELLA CGIL DI MONZA E BRIANZA”

Nei giorni  23 e  24 ottobre 2018 a Seregno si è svolto il IX Congresso della CGIL di Monza e Brianza. Nelle due giornate una platea di 231 delegate e delegati si sono riuniti presso l’Auditorium del Comune di Seregno per discutere i progetti futuri della maggiore Confederazione italiana - CGIL.

Si sono susseguiti innumerevoli interventi con video che hanno raccontato il lavoro svolto  negli ultimi 4 anni  e gli obiettivi futuri da raggiungere.  Il  Congresso  ha salutato Maurizio Laini, che lascia per scadenza di mandato la guida della CGIL MB al quale va il  riconoscimento  di  tutta l’Organizzazione per aver guidato la Camera del Lavoro della CGIL MB con grande capacità,  competenza  e spirito innovativo.

Il Congresso si è concluso con l’elezione dei   nuovi Organismi dirigenti, che sono stati immediatamente convocati per l’elezione del segretario generale. Su proposta della  CGIL Lombardia la votazione si conclude con l’elezione di   Angela  Mondellini    a segretaria generale della CGIL di Monza e Brianza. Successivamente  è stata  altresì eletta la segreteria della Camera del Lavoro  con la riconferma di tutti i precedenti componenti:  Eliana Schiadà, Simone Pulici, Walter Palvarini e Giulio Fossati .

Angela Mondellini, 42 anni, sposata e mamma di due bimbe, prima donna alla guida della Camera del Lavoro della CGIL di Monza e Brianza ha un curriculum di tutto rispetto. Laureata in giurisprudenza, dopo un Master in Scienze del Lavoro,  a 26 anni entra nel sindacato dei metalmeccanici FIOM- CGIL di Milano; nel 2011 viene eletta nella segreteria della FIOM CGIL MB che guiderà poi con l’incarico di segretario generale dal  2013 al 2018. Ha seguito le più importanti crisi aziendali del territorio (Micron, Nokia, Candy, Linkra…) ed ha contribuito allo sviluppo di progetti territoriali sul lavoro. Dal 2004 è componente del Comitato Centrale della FIOM Nazionale e dal 2014 componente del Comitato Direttivo nazionale della CGIL.  Nel 2017 entra a far parte della segreteria Confederale CGIL MB occupandosi di mercato del lavoro, formazione e politiche per la parità di genere.

Sono orgogliosa e riconoscente per la grande responsabilità che mi viene affidata – dichiara Angela Mondellini -   La CGIL MB è una grande squadra ricca di risorse umane  competenti e motivate che mi impegno  a guidare con spirito di squadra. Collaborazione e rispetto delle diversità devono essere le nostre parole d’ordine. Un grazie va a Maurizio Lainiper il generoso ed eccezionale lavoro svolto”.

Monza, 24 ottobre 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

M5S Lombardia. Milano-Meda. Opera utile, avviare al più presto la riqualificazione

I portavoce regionali del M5S Lombardia Marco Fumagalli e Massimo De Rosa e il consigliere comunale Dario Pizzarelli di Cesano Maderno hanno incontrato l’Amministratore Unico di Infrastrutture Lombarde Giuliano Capetti  per prendere conoscenza dello studio di fattibilità del progetto di riqualificazione della Milano Meda dal tratto da Bovisio Masciago fino a Cormano. Lo studio commissionato nel 2016 è costato 58.000 euro, redatto da PRO ITER - ERREVIA - Milano Serravalle Engineering, e consegnato il 31 agosto 2018 a Regione Lombardia per la sua approvazione, prevede la riqualificazione e messa in sicurezza oltre alla previsione della terza corsia e svincoli tra Bovisio Masciago e Paderno Dugnano e due corsi oltre ad una terza “dinamica” per il tracciato tra Paderno Dugnano e Cormano. Il costo stimato è molto contenuto e ammonta a 115 milioni di euro di lavori oltre a 60 milioni per le opere extra tracciato a supporto degli svincoli e della viabilità ordinaria. “Il progetto è molto interessante e chiederò una audizione in commissione al fine di procedere alla sua approvazione in tempi brevi e prendendo l’impegno di spesa per l’affidamento a Infrastrutture Lombarde di tutte le altre fasi di progettazione per giungere all’affidamento dei lavori il prima possibile” dichiara Fumagalli aggiungendo che “chiederemo anche che vengano stanziati 100 mila euro per la redazione di uno studio di fattibilità anche per il tratto Meda fino a Bovisio, in modo da far capire che con la terza corsia la Pedemontana diventa assolutamente inutile”. Per De Rosa “la terza corsia da Bovisio a Paderno permette di raggiungere la Rho-Monza e la Tangenziale Nord in tempi brevi e ridurre il traffico. Il tratto da Paderno a Milano verrà solo riqualificato e messo in sicurezza per mancanza di spazi per una eventuale terza corsia. Il progetto qui sarà molto meno impattante, ma va necessariamente integrato con la celere riqualificazione della metrotranvia Milano-Limbiate e la progettazione della metropolitana fino a Paderno in modo da intercettare il traffico diretto a Milano da nord”. Il portavoce di Cesano Maderno Pizzarelli dichiara “che faremo degli eventi sul territorio per sensibilizzare affinché si arrivi al prima possibile all’avvio dei lavori” mentre per Fumagalli “Concessionaria Autostradele Lombarde ha sul conto corrente 80 milioni di euro erogati dal Ministero destinati a Pedemontana che è una pia illusione. Questi soldi devono essere messi subito a disposizione per Infrastrutture Lombarde per la riqualificazione della Milano Meda. Per rilanciare l’economia servono opere utili come la riqualificazione della Milano Meda. Chi persegue la realizzazione della Pedemontana è per garantire ai privati guadagni con i soldi pubblici”.