Vorrei | Rivista non profit

Dal 2008 rivista non profit di cultura, ambiente e politica. Senza pubblicità.

Comunicati stampa

Attenzione. I materiali pubblicati in questa pagina non sono prodotti da Vorrei.
Vengono pubblicati su richiesta dei mittenti i quali se ne assumono ogni resposabilità.
Inviate i vostri comunicati a: info@vorrei.org

Print Friendly, PDF & Email
Print Friendly, PDF & Email

RACCOLTA FIRME PER INIZIATIVA POPOLARE PER L'EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA COME MATERIA AUTONOMA NELLE SCUOLE.

A Spazio Città fino al 5 gennaio 2019. Da lunedì 13 agosto a Spazio Città è possibile firmare la proposta di legge di iniziativa popolare per l’introduzione dell'educazione alla cittadinanza come materia autonoma con voto nelle scuole di ogni ordine e grado, promossa dall’ANCI - Associazione Nazionale Comuni Italiani. La proposta mira alla formazione di “buoni cittadini” partendo dai banchi di scuola e prevede lo studio della Costituzione, lo studio del principio di eguaglianza, l’educazione alla legalità, l’educazione al rispetto dell’altro, l’educazione ambientale, l’educazione digitale e l’educazione alimentare. Per raggiungere le cinquantamila firme necessarie per la proposta di legge di iniziativa popolare c’è tempo fino al 5 gennaio prossimo. La proposta di legge, il materiale grafico e gli aggiornamenti sugli eventi della campagna sono pubblicati sul sito www.anci.it e sulle pagine social dell’ANCI. Spazio Città è aperto fino al 1 settembre con orario ridotto dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 14.00 e il sabato dalle ore 8.30 alle ore 14.30. Da lunedì 3 settembre ritorna il consueto orario dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 19.00, il giovedì chiusura posticipata alle 21.00 e il sabato dalle 8.30 alle 12.30.

Vimercate, 9 agosto 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

Progetto Piedibus, il Comune cerca nuovi volontari

Un appello rivolto a genitori, nonni, pensionati e a quanti intendano mettersi a disposizione dei bambini dedicando loro un impegno quotidiano minimo.

L'Amministrazione Comunale, in collaborazione con la Cooperativa Spazio Giovani e con il supporto dell'Associazione eQUIBICI, ripropone anche per l'anno scolastico 2018-2019 il "Progetto Piedibus", rivolto ai bambini delle scuole primarie. Un progetto che, ormai da molti anni, permette a decine di bambini delle scuole primarie cittadine di andare a scuola a piedi.

Il Comune è in cerca di nuovi accompagnatori volontari per portare avanti un’iniziativa che negli anni è divenuta ormai una tradizione e un modo per avvicinare i bambini più piccoli alla mobilità sostenibile.

Il ruolo del volontario è semplicissimo: deve accompagnare i bambini, insieme ad altri adulti, dal capolinea delle linea di Piedibus prescelta fino a scuola.

Nell’annualità scolastica 2017/2018, il Piedibus ha interessato i plessi scolastici De Amicis, Tasso, San Mauro e Moro. Complessivamente, sono stati 34 i volontari impegnati quotidianamente nel «trasporto» di oltre 100 bambini.

Il Piedibus funziona come un vero autobus, solo che va a 'piedi', con un suo itinerario, suoi orari e fermate stabilite. I bambini che usufruiranno del Piedibus raggiungeranno la scuola in gruppo, a piedi, guidati da volontari accompagnatori adulti.

Il servizio Piedibus è gratuito e saranno predisposti i percorsi in base alle iscrizioni ricevute.

Sul sito internet del Comune di Lissone è possibile scaricare la modulistica per l’iscrizione dei bambini e degli accompagnatori. Per ulteriori informazioni: istruzione@comune.lissone.mb.it

Lissone, 8 Agosto 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

Raccolta cibo sabato 11 agosto al Maxi Zoo di Monza. Le volontarie ENPA tornano al noto pet shop di Via Buonarroti.

 Sabato 11 agosto l’ENPA di Monza e Brianza torna al Maxi Zoo di Via Buonarroti 85 a Monza per una nuova raccolta alimentare.

Le volontarie saranno presenti dalle 10:00 alle 18:00 orario continuato all’entrata del noto negozio di prodotti per animali per dare indicazioni ai clienti che volessero acquistare cibo per i nostri amici felini.

Come sempre, la raccolta è indirizzata principalmente alle colonie feline presenti sul territorio gestite dalla Sezione di ENPA Monza di Monza e Brianza, in primis la grande colonia di gatti liberi presso il vecchio canile di Monza dismesso proprio in via Buonarroti a due passi da Maxi Zoo, ma anche tante altre. Si consiglia di dare la preferenza a scatole, scatolette e buste di cibo “umido” per gatti adulti, oppure cibo specifico per gattini.

Fare una piccola donazione è facile! Basta mettere una o più scatole di cibo per gatti nel vostro carrello, o nell’apposito sacchetto fornito all’entrata dalle volontarie ENPA, pagarle alla cassa assieme alla vostra spesa, poi consegnarle alle volontarie che provvederanno a registrarle e smistarle.

Come ringraziamento, tutti i bambini che con la famiglia faranno una donazione di cibo, anche piccola, riceveranno un palloncino ENPA!

ENPA ringrazia di cuore i responsabili dei negozi che gentilmente ci ospitano e naturalmente i loro clienti che con la loro sensibilità permettono alle volontarie di sfamare tutti i giorni i gatti senza padrone che vivono sul nostro territorio.

 

Print Friendly, PDF & Email

Vogliono eliminare il casello di Agrate sulla Tangenziale Est? Benissimo. Ma è dal 2009 che i cittadini chiedono di togliere anche la barriera Monza-Sesto sulla A52 Nord Appello al presidente della Regione Attilio Fontana

Si parla molto in questi giorni dell’eliminazione della barriera di Agrate sulla Tangenziale Est, ma ci si dimentica della Barriera di Monza/Sesto sulla Tangenziale Nord. Se ne dimenticano soprattutto i nostri politici in Regione. Costruito nel 1994, è dal 2009 che gli enti pubblici promettono di togliere quel casello, messi più volte di fronte alla protesta dei pendolari, dei sindaci e dei residenti di una vasta zona. La barriera era stata creata con lo scopo pubblicamente dichiarato di “contribuire temporaneamente a coprire i costi di realizzazione della A52, per poi essere eliminata (Filippo Penati, presidente Provincia di Milano, maggiore azionista di Serravalle Autostrade Spa, 2009)”. Ma dal ’94 a oggi è ancora lì e intanto i pedaggi sono stati ripetutamente aumentati, l’ultima volta nel gennaio scorso, tra mille proteste. La barriera di Monza/Sesto sulla A52 è inefficiente e perennemente ingolfata nelle ore feriali di punta. Ma soprattutto è causa di traffico e inquinamento, perché molti automobilisti fanno percorsi alternativi per evitare il pedaggio, entrando e uscendo allo svincolo Sesto San Giovanni Nord, quello popolarmente chiamato “Sesto-Vulcano”. Nelle ore di punta, questo fenomeno genera code e ingorghi nei quartieri: Taccona di Muggiò, San Fruttuoso e San Rocco di Monza, Robecco di Cinisello Balsamo e Pelucca di Sesto San Giovanni. Dice Isabella Tavazzi, portavoce dell’Associazione HQMonza: “Oggi la Regione, su pressione della Lega Nord e dei Cinquestelle, promette interventi per la barriera di Agrate. Benissimo, sarebbe ora. Ma la barriera di Monza/Sesto presenta problemi anche più gravi e richiede un identico trattamento, altrimenti si farebbero discriminazioni tra i pendolari e tra i cittadini assediati dal traffico. Per questo chiediamo al presidente della Regione Attilio Fontana di impegnarsi per eliminare finalmente anche il casello Monza/Sesto della A52”.

 

Print Friendly, PDF & Email

VIMERCATE FINALMENTE AVRÀ UN PALAZZETTO DELLO SPORT.

In arrivo dalla Regione un finanziamento superiore a 3 milioni di euro. Poco più di un mese fa, il 27 giugno scorso, l'Amministrazione Comunale di Vimercate e la Provincia di Monza e Brianza annunciarono il raggiungimento di un accordo per la realizzazione di un palazzetto dello sport all’interno dell’Omnicomprensivo di Vimercate. In quell’incontro il Sindaco di Vimercate Francesco Sartini, il Presidente della Provincia Roberto Invernizzi, i quattro dirigenti delle scuole presenti nella struttura e il Direttore dell’Ufficio scolastico territoriale di Monza e Brianza hanno definito un nuovo modello di gestione degli impianti sportivi per la realizzazione di un palazzetto dello sport mediante l’adeguamento degli impianti sportivi del Centro Omnicomprensivo di Via Adda: una struttura in grado di rispondere all’esigenza espressa da cittadini e società sportive di dotare il vimercatese di un impianto sportivo polivalente. Gli uffici tecnici comunali, forti di questo mandato, hanno elaborato un progetto e presentato a Regione Lombardia la richiesta di finanziamento. Ieri, mercoledì 1 agosto, è stata pubblicata la graduatoria per la raccolta del fabbisogno di interventi di edilizia scolastica (approvazione piano regionale triennale 2018-2020: annualità 2018 e fabbisogno 2019- 2020) nella quale Vimercate ha ottenuto, per il progetto presentato, un finanziamento di 3.144.000 € a fondo perduto che copre l’80% del costo totale dell’intervento pari 3.930.000 €. Dichiara il Sindaco Francesco Sartini: "E' un primo importante traguardo che premia la volontà di collaborazione tra comune e provincia e conferma la validità del progetto di riqualificazione e valorizzazione dell'area sportiva all'interno del complesso dell'Omnicomprensivo. Desidero ringraziare i tecnici ed il presidente della provincia, i dirigenti scolastici e il personale tecnico del Comune di Vimercate che ha creduto in questo progetto permettendoci di classificarci per il finanziamento, dimostrando che si riesce a creare prospettive nuove per affrontare problemi che aspettano risposte da tempo." Vimercate, 6 agosto 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

MOSTRA CONCORSO "MONZA: LA CITTÀ, IL PARCO E L'AUTODROMO"

 

Galleria Civica, via Camperio 1

dal 30 agosto al 8 settembre 2018

Monza, 3 agosto 2018. Giunge quest’anno alla X edizione la mostra-concorso Monza: la Città, il Parco e l'Autodromo, ospitata negli spazi espositivi della Galleria Civica di via Camperio, dal 30 agosto all' 8 settembre 2018.

Il Concorso è aperto a tutti gli artisti di età non inferiore ai 13 anni, con tecnica e formato a discrezione dell’autore. I partecipanti sono invitati a valorizzare e interpretare, attraverso fantasia e creatività, il tema “Monza, il suo Parco e il suo Circuito”: le opere dovranno essere consegnate in Galleria Civica mercoledì 29 agosto dalle ore 10.00 alle 17.00.

In palio, per i primi tre classificati, mostre personali da allestire negli spazi della Biblioteca S. Gerardo. La scelta di un quarto vincitore sarà invece affidata ai visitatori della mostra che potranno contribuire al “Premio Giuria Popolare” votando l'opera preferita.

Ho fortemente voluto questa iniziativa dieci anni fa, proprio con l’intento di coniugare l’arte e il Gran Premio di Formula 1, creando un ponte tra la città e l’evento”, spiega l’Assessore alla Cultura Massimiliano Longo.

Da quest’anno, inoltre, il premio riservato agli Under 35 sarà intitolato al Professor Pier Franco Bertazzinipromotore e sostenitore dell’iniziativa e per nove anni Presidente della Giuria tecnica del Concorso, la cui intuizione estetica ha sempre portato valore aggiunto alla manifestazione.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con l’Associazione Scuola di Pittura Alessandro Conti.

Regolamento e modulo per partecipare al concorsowww.associazionescuolaconti.com

Info: 339.1279645 / 333.6998653

Email: associazioneconti@libero.it

Info mostra:

Apertura mostra: dal 30 agosto all’8 settembre 2018

Orari: dal martedì alla domenica 15-19. Lunedì chiuso.

Inaugurazione: sabato 1 settembre, ore 18

Premiazione: sabato 8 settembre, ore 18

Info mostra:

tel. 039.366381

email: mostre@comune.monza.it

 

Print Friendly, PDF & Email

NOKIA: nessun accordo sindacale sui licenziamenti

Martedì 31 luglio si è svolto al Ministero del Lavoro l’incontro conclusivo relativo alle procedure di licenziamento aperte da Nokia in Italia.

L’azienda ha dichiarato che il numero degli esuberi si è ridotto di 21 unità rispetto agli 87 dichiarati inizialmente nelle procedure, per effetto di ricollocazioni interne e riassorbimenti.

Rimangono quindi 66 lavoratrici e lavoratori in esubero, gran parte dei quali ha accettato l’uscita a novembre, in mancanza di alternative migliori.

Il confronto si è concluso con il mancato accordo poiché, ancora una volta, l’azienda non ha accettato di subordinare le uscite alla volontarietà dei lavoratori.

Sono sicuramente errate e fuori luogo le dichiarazioni alla stampa di alcuni esponenti della politica, che parlano di accordo a cui rivendicano di aver contribuito.

Ribadiamo: non c’è stato nessun accordo e 66 posti di lavoro verranno cancellati.

Umberto Cignoli, delegato sindacale di Nokia Alcatel Lucent ha dichiarato: “Continueremo a monitorare le possibilità di ricollocazione interna, al fine di cercare di ridurre i licenziamenti, e a supportare i lavoratori coinvolti.”

Angela Mondellini, Segretario Generale della Fiom Cgil MB e coordinatore Nazionale della Fiom per Nokia Alu ha dichiarato: “Dalle istituzioni a tutti i livelli abbiamo “avuto udienza”, ma non risposte concrete utili ad evitare i licenziamenti.”

1 agosto ‘18

 

Print Friendly, PDF & Email

RITORNA VIMERCATE APERTA PER FERIE

Un’iniziativa di APA Confartigianato a beneficio dei cittadini che rimarranno in città in agosto Ritorna anche quest’anno l’iniziativa “Vimercate aperta per Ferie” promossa da APA Confartigianato per garantire i servizi minimi a chi resterà in città ad agosto. Telefonando al numero verde 800 401 665 i cittadini potranno richiedere l’intervento in tempi rapidi di un professionista a tariffa agevolata. Il numero di telefono disponibile per tutto il mese di agosto e attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17 fornirà i nomi e indirizzi degli artigiani disponibili per i diversi settori in particolare: impiantisti, antennisti, elettricisti, idraulici, imbianchini, estetisti-acconciatori, fabbri, autoriparatori. L’elenco completo è pubblicato sul sito dell’APA Confartigianato.

Vimercate, 1 agosto 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

Pacco dono, a Lissone torna il kit di benvenuto per i nuovi nati. Nel primo anno dell’iniziativa ritirato il 92% dei pacchi

Un pacco dono per tutti i piccoli lissonesi nati nel 2018. Torna “Benvenuti nella casa delle coccole”, l’iniziativa di welfare nata lo scorso anno dalla collaborazione tra il Comune di Lissone ed Energie Sociali Jesurum Lab - attiva da anni nella creazione di progetti pubblico privato - e resa possibile dalla partnership con LloydsFarmacia e un pool di aziende private.

Per il secondo anno consecutivo, sarà così possibile regalare a tutti i neogenitori residenti a Lissone un kit completo con numerosi prodotti per la salute e il benessere dei bambini e delle loro famiglie. All’interno del pacco, novità di quest’anno, saranno presenti anche alcuni prodotti per l’igiene orale di grandi e piccini.

La statistica dice che ogni anno a Lissone nascono circa 550 bambini. Come già sperimentato con successo lo scorso anno, le famiglie dei nuovi nati -senza alcuna discriminante di reddito - riceveranno a casa una lettera con le istruzioni per ritirare gratuitamente il kit per la salute del neonato e delle neomamme.

Nel primo anno dell’iniziativa, sono state spedite 442 lettere cui ha fatto seguito da parte del 92% delle famiglie coinvolte il ritiro del pacco a conferma della validità dell’iniziativa e dell’apprezzamento della popolazione verso un piccolo gesto di attenzione in un momento di felicità.

La consegna del kit avverrà, come sempre, in una delle farmacie Lloyds presenti in città. Da quest’anno, inoltre, una volta esaurite le scatole utilizzate in precedenza, il corredo sarà assemblato all’interno di zainetti di stoffa, non solo più ecologici, in quanto riutilizzabili, ma anche più comodi da trasportare. Cambiamento, questo, pensato sempre per andare incontro alle esigenze delle famiglie. Inoltre si è pensato di ampliare la fornitura per la famiglia con la presenza di prodotti per adulti - un detergente intimo per i genitori - e di prodotti oral care, utili anche per diffondere una cultura della prevenzione e dell’igiene orale.

Si tratta di un progetto di welfare che si ispira ai Paesi scandinavi e che da Milano è diventato un “modello” mutuato da molti altri Comuni, tra cui anche quello di Lissone, che ha sposato con convinzione quest’iniziativa, emblematica dell’efficacia della collaborazione tra pubblico e privato e in grado di innescare un meccanismo virtuoso che si traduce in un gesto concreto di attenzione verso i bebè e i loro genitori.

“La bontà del progetto istituito in collaborazione fra Comune di Lissone ed Energie Sociali Jesurum Lab in partnership con Lloyds Farmacie è dimostrata dal 92% dei ritiri dei kit – sottolinea Domenico Colnaghi, assessore con delega alle Partecipate – Alla luce della positiva esperienza del primo anno, ora possiamo annunciare con soddisfazione il proseguimento dell’iniziativa che vedrà alcune importanti novità nel kit di benvenuto, nella certezza che possa essere ancora apprezzato dai neogenitori e possano così sentire la vicinanza dell’Amministrazione Comunale e della città in questo momento di straordinaria gioia”.

Il progetto porterà quindi per un altro anno nelle case di tutti i neogenitori prodotti nursery, pannolini, creme, salviette, accessori, linee guida e indicazioni per ricostruire le proprie abitudini e giornate: un corredo utile per vivere con serenità e calore i primi giorni insieme.

Con Energie Sociali Jesurum Lab si continua a scommettere nell’impegno comune di pubblico e privato: enti locali e aziende private possono collaborare insieme coniugando sviluppo economico e tutela della realtà sociale. La realizzazione dei pacchi dono è stata possibile grazie alla sinergia stabilita con alcune aziende, operanti sullo stesso mercato, che hanno saputo superare le consuete logiche competitive.

“Questa iniziativa - ha dichiarato Arianna Furia, Direttore Vendite Retail ADMENTA Italia - si colloca perfettamente nel più ampio progetto di LloydsFarmacia di attenzione e vicinanza al cliente. Aspetti che passano anche attraverso la promozione di corretti stili di vita per tutta la famiglia, e come in questo caso con un focus particolare sui bambini e sull’importanza di impostare sin dalla tenera età delle abitudini corrette, nello specifico legate all’igiene orale. La collaborazione pubblico e privato è risultata vincente e le energie messe in campo hanno permesso l’evoluzione e la prosecuzione di progetti come questo di cui andiamo particolarmente orgogliosi”.

Composizione “Benvenuti nella casa delle coccole”:

  • • dischetti antibatterici, un contenitore latte materno con tappo e un buono sconto tiralatte

  • • un sachet crema idratante seno/allattamento

  • • un buono sconto per l’acquisto di un cuscino per l’allattamento

  • • una crema lenitiva

  • • salviette per il cambio del bambino

  • • un libro per bambini

  • • due pannolini

  • • materiale CBM onlus

Da quest’anno, inoltre, il corredo include anche:

  • • un flacone detergente intimo per il bambino “Intimo me”

  • • un massaggiagengive e uno spazzolino

  • • un detergente per l’igiene intima del genitore

Lissone, 30 Luglio 2018

 

Print Friendly, PDF & Email

Tra le follie di Bettola anche una beffa economica per Monza che versa 8 milioni di euro per quella stazione MM lontana che causerà forte congestione su viabilità locale, A4 e A52

L’ultima follia di Bettola? Per realizzare questa stazione del metrò, che è su territorio di Cinisello ed è ben lontana dall’abitato della nostra città, Monza ci mette 8 milioni di euro e Cinisello Balsamo invece nemmeno un centesimo. Eppure, Cinisello incasserà più di 15 milioni di euro come oneri di urbanizzazione per l’ampliamento del centro commerciale, che ingloberà la stazione, ed è al momento l’unico insediamento che trarrà un vantaggio consistente e diretto dalla presenza della stazione della M1 e della futura M5. Per Monza una vera beffa, che si aggiunge a quella del nome della stazione: la vogliono chiamare a tutti i costi “Monza-Cinisello”, quando non c’è un solo centimetro quadrato sul territorio della nostra città. Un falso topografico che per i cittadini suona come una presa in giro. I nuclei abitati significativi più vicini appartenenti al Comune di Monza distano circa 700 metri, tra l'altro con una separazione fisica netta, data a nord dalla Tangenziale A52, e ad est dalla linea ferroviaria Milano-Chiasso. Un’altra delle follie di Bettola è rappresentata dai collegamenti previsti con la nostra città. E’ programmata una, e una sola, linea di autobus che passerà lungo via Borgazzi, strada già oggi intasata nelle ore di punta e destinata a congestionarsi ancora di più. Una scelta insufficiente e incongruente per quello che viene definito pomposamente un “hub di interscambio”, con una stazione di metrò che si prevede assorbirà dai 6mila ai 15mila passeggeri all’ora. I cittadini saranno costretti ad andare a Bettola in auto? Probabilmente sì. E lì troveranno 2.500 parcheggi dedicati, ancora non si sa se gratuiti o a pagamento. Comunque troppo pochi. La stessa Regione Lombardia aveva suggerito in 4.500 il numero di posti auto necessari per gli utenti del metrò (centro commerciale escluso). Quindi, che cosa accadrà sulle strade? Uno studio da noi realizzato su dati ufficiali recenti della mobilità, utilizzando un software di simulazione, mostra che l’intera area si paralizzerà almeno nelle ore di punta, e stiamo parlando di un luogo fondamentale per l’accesso della Brianza a Milano e viceversa, dove passa la trafficatissima SS36 e dove ci sono ingressi autostradali per la Tangenziale Nord e la A4 Torino-Trieste. Non bastasse questo nostro modesto contributo, anche una analisi realizzata dalla Società Autostrade, inviata al Comune di Cinisello per tempo e ignorata, dice lo stesso: il presunto “hub” per lo scambio modale produrrà innanzi tutto una paralisi dei già saturi accessi alla A4. Fortemente negativo anche il parere di Legambiente. E ancora una follia di Bettola: l’ultimo PGT di Monza ha cancellato lo spazio destinato alla realizzazione di un deposito treni, struttura fondamentale per avere il prolungamento della M5 sino al nord della nostra città. Quello spazio – incredibile – è stato incluso nel piano per un ampliamento ancora più consistente del centro commerciale di Cinisello. Dice Isabella Tavazzi, portavoce dell’Associazione HQMonza: “I collegamenti di trasporto pubblico da Monza a Bettola vanno ripensati e rafforzati al più presto, prevedere una sola linea di bus è davvero ridicolo”. E poi aggiunge: “Chiediamo da tempo che la stazione MM Bettola non abbia Monza nel nome, sarebbe un falso topografico incomprensibile e fuorviante. Voglio fare una provocazione: visto che Monza versa 8 milioni come generosa donazione nell’interesse esclusivo di Cinisello Balsamo e del suo centro commerciale, non ha forse Monza il diritto di chiedere – come fanno i veri benefattori – di non essere citata? Non ha forse titolo per imporre che la stazione MM si chiami Cinisello-Bettola e basta, com’è logico e corretto che sia?”.

Tutti i dati riportati sono stati desunti da documenti ufficiali dei seguenti Enti pubblici: Ministero delle Infrastrutture, Regione Lombardia, Provincia di Milano, Comune di Monza, Comune di Sesto San Giovanni, Comune di Cinisello Balsamo

 

Iscriviti alla newsletter
Iscriviti gratis alla nostra newsletter per ricevere gli aggiornamenti e le novità sugli articoli e le iniziative di Vorrei

Per iscriverti devi accettare i nostri termini di utilizzo dei tuoi dati, ovvero la nostra politica riguardo la privacy. Non li cediamo a nessuno e non abusiamo mai! :)